informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Atti persecutori: il fenomeno dello stalking, cos’è e come comportarsi

Commenti disabilitati su Atti persecutori: il fenomeno dello stalking, cos’è e come comportarsi Studiare a Bologna

In passato è stato sottovalutato, si è dovuto aspettare parecchio tempo prima che fosse riconosciuto e inquadrato come reato a tutti gli effetti. Oggi invece è stato riconsiderato ed è sempre più riconosciuto. Ma lo fenomeno dello stalking cos’è? Come ci si deve comportare nel caso in cui si subisca?

Stalking cos’è?

Il fenomeno denominato stalking avviene quando ripetuti atteggiamenti di un individuo nei confronti di un altro diventano patologici. La parola stalking deriva infatti dall’inglese “to stalk” (fare la posta, braccare la preda).
La costanza, la ripetizione, la frequenza e le modalità con cui una persona persona affligge un’altra sono il sintomo della patologia.
In sostanza si parla di stalking quando le attenzioni diventano persecuzione.

Spessissimo chi fa e chi subisce stalking sono stati legati in passato da un qualche tipo di rapporto. Non necessariamente come coppia. A volte come amici, conoscenti o colleghi di lavoro. Sicuramente però tra loro c’è stato un contatto e si sono conosciuti. La causa scatenante del fenomeno è normalmente un rifiuto da parte di uno dei due a cambiare il rapporto creato, portandolo su un livello affettivo più intimo. Oppure, nel caso di una coppia, un partner che decide di lasciare l’altro.

Questo scatena una reazione al rifiuto. Si può parlare di stalking quando il rifiuto di essere rifiutati conduce alla violenza.

Come difendersi dallo stalking

Sapere come comportarsi nel caso in cui si diventi vittima di attenzioni moleste è importante.
Innanzi tutto bisogna capire come riconoscerlo. Quando sms, e mail, telefonate, messaggi e lettere raggiungono frequenze non più gestibili sicuramente siamo in presenza di un fenomeno di stalking. Non solo.
La seconda e più invasiva fase può arrivare fino ad appostamenti, pedinamenti ed intrusioni di vario tipo nella vita privata.
E per vita privata si intende anche il lavoro, il tempo con gli amici con potenziali nuovi partner.
Insomma una situazione che davvero sfugge al controllo e genera nella vittima ansia, terrore e senso di impotenza. In alcuni casi la vittima teme per la sua sicurezza ed incolumità.
Per potersi difendere, quindi, è necessario ricorrere alla legge.

Stalking: cosa prevede la legge

L’art. l’art. 612 bis del codice penale introdotto con la legge n. 38 del 2009 prevede esplicitamente che:
“Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque reiteratamente, con qualunque mezzo, minaccia o molesta taluno in modo tale da infliggergli un grave disagio psichico ovvero da determinare un giustificato timore per la sicurezza personale propria o di una persona vicina o comunque da pregiudicare in maniera rilevante il suo modo di vivere, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da sei mesi a quattro anni”.

Per poter quindi rientrare sotto la tutela del citato articolo 612 bis la vittima dovrà dimostrare essere costantemente afflitta da stato di ansia e/o di paura tali da compromettere la propria regolarità. In particolare ciò può essere comprovato dalla necessità di mutare le proprie abitudini per far fronte alle nuove, spiacevoli, condizioni esistenziali. Non è necessario che si verifichi un danno biologico inteso come patologia essendo sufficiente una alterazione del normale equilibrio psico-fisico della persona offesa.

come difendersi dallo stalkingCome denunciare

La norma prevede che lo stalking viene punito a seguito di querela da parte del soggetto che ha subito le pressioni. La vittima ha tempo sei mesi per denunciare uno stalker dal momento in cui si verifica l’ultimo gruppo di episodi che hanno leso la sua libertà.
Esistono però dei casi in cui la legge procede d’Ufficio, ovvero senza la necessità che venga sporta una querela. I casi sono:

  • il fatto viene commesso nei confronti di un minore di età oppure di una persona con disabilità;
  • il fatto viene connesso con altro delitto per cui debba procedersi d’ufficio;
  • il soggetto sia stato ammonito;

In merito all’ultimo punto, la Legge prevede che fino a che la vittima non sporge regolare querela, non si può procedere con la punizione. La vittima può, infatti, informare l’autorità di pubblica sicurezza, avanzando richiesta al questore di ammonimento nei confronti dell’autore della condotta. La richiesta viene trasmessa al questore, il quale nel caso in cui ritenga l’istanza fondata, ammonisce oralmente il soggetto nei cui confronti è stato richiesto il provvedimento.

Sono comunque previste circostanze aggravanti se il fatto è commesso:

  1.  dal coniuge anche legalmente separato o divorziato o da persona che sia stata legata da relazione affettiva alla persona offesa;
  2.  attraverso strumenti informatici o telematici;
  3.  a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona disabile;
  4.  con armi o da persona travisata.

Master sugli atti persecutori

Data l’importanza e l’attualità dell’argomento, l’Università telematica Unicusano ha attivato un nuovo Master I livello in Atti persecutori: ll fenomeno dello stalking.

Il corso è articolato in vari blocchi formativi all’interno dei quali verranno approfondite materie come:

  • Legislazione italiana (L. 38/2009) e definizioni giuridiche sullo stalking
  • Componenti, forme e caratteristiche dello stalking
  • Profilo dello stalker e caratteristiche
  • Le motivazioni e la psicopatologia dello stalker
  • Profilo della vittima di stalking e tipologie preferenziali
  • Come intervenire psicologicamente sullo stalker

Tutte le 1.500 ore, per un totale di 60 crediti formativi, del master saranno fruibili in modalità e-learning. Una soluzione ideale per chi non riesce a conciliare lavoro ed impegni con la possibilità di approfondire gli studi e specializzarsi.

Grazie infatti alla piattaforma e-learning tutte le lezione del corso saranno disponibili nell’area riservata del corsista che potrà seguirle quando vuole, dove vuole.

Tutto quello che serve sarà un computer ed un collegamento internet, al resto ci pensa Unicusano.

E non è tutto. Infatti il Master sul fenomeno dello stalking è un validissimo corso, tenuto da primari esperti del settore, ma ad un costo davvero ottimo. Per poter seguire il Master è infatti possibile pagare 2.100 euro divisibili anche in due comode rate.
Per alcune categorie, invece, è prevista una convenzione che permette di usufruire del Master in Atti persecutori: ll fenomeno dello stalking, ad un costo ancora più basso. Ad esempio, per  le seguenti categorie:

  1. I dipendenti in attività di servizio appartenenti alle Forze dell’Ordine  (Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanzia, Polizia Penitenziaria, Esercito)
  2. Avvocati iscritti all’ordine
  3. Psicologi iscritti all’ordine
  4. Medici
  5. Laureati presso l’Unicusano

è previsto un costo ridotto di Euro 1.800.

Se il Master attivato dall’Università telematica Niccolò Cusano ti interessa, chiedi maggiori informazioni. Puoi scegliere se compilare il form qui accanto, oppure chattare live con un nostro operatore collegandoti qui.
Non perdere l’occasione di specializzarti ed approfondire il fenomeno dello stalking. Oggi con Unicusano puoi!

 

 

 

 

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.