informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Vuoi avviare una start-up a Bologna: ecco quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Vuoi avviare una start-up a Bologna: ecco quello che devi sapere Studiare a Bologna

Se vuoi avviare una start-up a Bologna devi seguire un percorso specifico. Quale? Vediamolo.

Start up: cosa sono?

Partiamo da qui. Cosa sono ? In economia start up è una nuova impresa che è caratterizzata da un business model scalabile e ripetibile. La definizione sembra semplice ma non lo è.
C’è una grossa differenza, infatti, tra l’apertura di una semplice nuova attività, ovvero un nuovo business, e l’apertura di una start up, ovvero un business che ha l’elemento fondamentale della scalabilità.

Questo è il motivo per cui, spesso, confondendo le due diverse tipologie di nuove attività, si cade in errore e si rischia di non centrare il proprio obiettivo. Di conseguenza, per poter davvero essere in grado di aprire la propria start up, non si può prescindere da una profonda conoscenza delle regole di base. Come fare?

Start up d’impresa e modelli di business

La risposta è semplice, è necessario partire dal corso di studi.
Una laurea in Economia a Bologna è il primo indispensabile passo. Un corso come quello di Unicusano è la soluzione ideale. Perchè permette di approfondire argomenti come economia aziendale, modelli di business e finanziari che sono indispensabili per poter avere le nozioni di base necessarie alla creazione di una start up. Ovviamente una che rispetti i requisiti citati prima.

E non solo. Dopo aver concluso il corso di laurea è bene specializzarsi. Approfondendo quegli argomenti che possono essere utili per realizzare il proprio sogno. Il modo migliore per specializzarsi è seguire un corso come il Master in Start up d’impresa a Bologna che Unicusano ha attivato. La naturale evoluzione del corso di laurea, pensata proprio per dare una formazione a trecentosessanta gradi sul mondo delle start up a Bologna.

E’ vero il percorso può sembrare lungo, ma può decisamente valerne la pena. Basta guardare agli ultimi anni ed agli esempi più famosi.

start up innovative 2017

Start up famose

Dando una rapida occhiata agli ultimi anni sicuramente non si possono non citare le più famose start up della Silicon Valley. Una su tutte Facesbook, che, nata come un’idea di uno studente, è ora una delle società quotate più grandi al mondo. Con miliardi di utenti e bilanci da capogiro. L’azienda di Zuckerberg non è l’unica ovviamente. Di start up high tech ce ne sono davvero molte e tutte sono partite da un incubatore od un crowdfunding.

Start up italiane

La Silicon Valley, l’America in generale o l’Europa non solo le uniche a poter vantare start up vincenti. Anche l’Italia, soprattutto negli ultimi anni ha annoverato la nascita di ottimi progetti come le undici start up italiane più famose al mondo secondo Business Insider.
Il panorama Italiano è molto vivace e per tenersi sempre aggiornati sulle ultime news e novità è possibile seguire il sito Start up Italiadi .

E’ importante, infatti, una volta pronti per fondare la propria società rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità anche in materia fiscale.

 

Start up innovative 2017

La Legge 232/2016, ovvero la Legge di Stabilità 2017, ha, infatti, confermato, ampliato e dettagliato le agevolazioni fiscali riservate a quelle che vengono definite le start up innovative.
Si tratta di una serie di norme che favoriscono queste società nel calcolo della base imponibile e del pagamento delle imposte.

Requisiti

In particolare, per poter essere definite start up innovative ai fini della norma, è necessario che si rispettino i seguenti requisiti:

  • devono essere di nuova costituzione o costituite da meno di 5 anni. Inoltre non devono risultare da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione d’azienda o di ramo di azienda;
  • devono avere sede principale in Italia. In alternativa possono avere sede in altro Paese membro dell’UE o in Stati aderenti all’accordo sullo Spazio Economico Europeo. L’importante è che abbiano una sede produttiva o una filiale in Italia;
  • devono avere un valore annuo della produzione inferiore a 5 milioni di euro;
  • non devono distribuire ( o aver distribuito ) utili;
  • devono avere come oggetto sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

E non solo. Per poter essere considerate innovative, devono avere almeno uno tra:

  1. aver sostenuto spese di ricerca e sviluppo per un importo pari o superiore al 15% del valore maggiore tra il valore della produzione e i costi della produzione risultanti dall’ultimo bilancio;
  2. la forza lavoro complessiva deve essere costituita per almeno 1/3 da dottorandi, dottori di ricerca o ricercatori, oppure per almeno 2/3 da soci o collaboratori a qualsiasi titolo in possesso di laurea magistrale;
  3. l’impresa deve essere titolare, depositaria o licenziataria di un brevetto registrato (privativa industriale) oppure titolare di programma per elaboratore originario registrato.

 

Inoltre, molto spesso, escono bandi per agevolazioni o finanziamenti per start up di impresa per giovani donne e soggetti svantaggiati,  sia a livello nazionale che regionale.

 

Insomma, per poter avviare una start up a Bologna, le cose da sapere sono molte. L’importante è partire con il piede giusto e non abbandonare il proprio sogno. Vuoi provarci anche tu? Allora inizia iscrivendoti al corso di laurea giusto, quello di Unicusano.

Compila il form qui accanto e chiedi maggiori informazioni.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali