informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare bibliotecario: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare bibliotecario: studi e possibilità Studiare a Bologna

Ti stai chiedendo come diventare bibliotecario?

Se sei un amante dei libri e vorresti farne una professione, sei nel posto giusto: in questa guida troverai tutte le informazioni per diventare bibliotecario, dal percorso di studi ai requisiti migliori per accedere alla professione.

Lavorare in biblioteca è l’ambizione di molti giovani studenti: se hai una passione per l’archivistica e ami stare in mezzo a centinaia di volumi, sicuramente quella del bibliotecario è la professione ideale per te. Ma come fare per intraprendere questa strada? Scopriamolo subito nei prossimi paragrafi della nostra guida.

Ecco come lavorare in biblioteca

Il lavoro nelle biblioteche è ricercatissimo da chi ama la lettura e vorrebbe intraprendere una professione immerso nei libri. Ecco tutto quello che devi sapere su come diventare bibliotecario.

Chi è il bibliotecario e cosa fa?

Amare i libri e poter fare di questa passione una professione è un sogno che può diventare realtà.

Il bibliotecario è colui che, come dice la parola stessa, lavora all’interno di una biblioteca. Il suo ruolo consiste nel trattare e catalogare quotidianamente dei testi. L’attività di archiviazione, che cambia a seconda della biblioteca, ha un metodo e delle caratteristiche che contraddistinguono l’approccio alla professione, soprattutto nel mondo odierno ricco di tecnologia.

Infatti, la catalogazione oggi avviene tramite database online, così come la ricerca dei libri, non solo stampati ma anche in rete. La tipologia e l’età sono le basi principali per una catalogazione. Il bibliotecario ha a che fare anche con libri antichi, manuali tecnici, libri di narrativa o di viaggio, di attualità o biografici, storici, artistici o letterari.

Esistono inoltre dei testi unici, rari o molto antichi che devono essere trattati in maniera speciale e particolare.

La bellezza del lavoro del bibliotecario è anche quella di avere a che fare con una parte di mondo libri non accessibile al pubblico. Testi che non possono, per svariate ragioni, essere esposti e che devono rimanere in archivio. Alcuni, invece, sono predisposti solo alla consultazione e non al prestito.

Quando arrivano testi nuovi è cura del bibliotecario registrarli e dargli la giusta collocazione. Non solo: spesso sono richieste organizzazioni di mostre ed eventi, poi consulenze e collaborazioni con studiosi o altri professionisti del settore.

Competenze e abilità del bibliotecario

Se vuoi lavorare nelle biblioteche comunali, devi quindi formarti e acquisire competenze specifiche nel campo.

Il ruolo del bibliotecario presuppone l’attività di una persona istruita e attiva, con voglia di aiutare chi cerca libri, riviste, articoli e risorse in internet.

Ci sono diversi concorsi pubblici che riguardano questa professione, ognuno dei quali ha dei requisiti specifici per l’accesso.

In generale, i concorsi riguardano l’occupazione in Enti locali, università e scuole. Fra i più prestigiosi c’è il concorso come bibliotecario nel Ministero per i beni e le attività culturali, a cui possono partecipare coloro che sono in possesso di un diploma di laurea specialistica in Lettere, Filosofia, Materie letterarie, Storia, Giurisprudenza, Scienze politiche, Conservazione dei beni culturali, Storia.

Non solo preparazione teorica: per svolgere bene il mestiere ti occorrono anche forti abilità di programmazione e attitudine alla comunicazione, perché avrai sempre a che fare con il pubblico. Lo studio ti aiuta nell’apprendere questi elementi e ad esercitarti per migliorare le tue abilità.

Quanto guadagna un bibliotecario

Ora che abbiamo visto come diventare bibliotecario, cerchiamo di capir quanto può guadagnare un professionista che lavora con i libri.

Come abbiamo detto, per lavorare come bibliotecario puoi scegliere se tentare la strada dei concorsi pubblici o rivolgerti ad enti privati. Lo stipendio dipende, come tutti i lavori, da diversi fattori quali il tipo di contratto, l’inquadramento e se appunto si tratta di pubblico o privato.

In molte strutture c’è la possibilità di crescere professionalmente, quindi i guadagni possono aumentare. Se hai doti organizzative, se sei propositivo e intraprendente, se ci metti impegno e capacità, se sei informato e aggiornato sulle ultime novità tanto da consentire sempre un’alta qualità del lavoro sei sulla buona strada. Sono tutti fattori che aiutano a fare carriera.

I concorsi pubblici per diventare bibliotecario

Abbiamo detto che per diventare bibliotecario ci sono periodicamente dei concorsi pubblici, oltre all’occupazione negli enti privati.

Parlando dei concorsi pubblici, anche per aderire a quelli per bibliotecario bisogna anzitutto aspettare che venga pubblicato il relativo bando di concorso.

All’interno del bando di concorso troverai tutte le informazioni più importanti, dai requisiti per l’accesso alla materie di studio fino ai tempi e ai metodo di valutazione della commissione d’esame. All’interno dello stesso, inoltre, verrà anche specificato l’inquadramento retributivo.

Generalmente, per quanto riguarda il titolo di studio richiesto come requisito concorsuale, possono partecipare coloro che hanno un diploma di laurea specialistica in Lettere, Filosofia, Materie letterarie, Storia, Giurisprudenza, Scienze politiche, Conservazione dei beni culturali, Storia.

I corsi di laurea Unicusano per lavorare con i libri

Se lavorare con i libri ti piace e hai in mente di partecipare ad un concorso pubblico, i corsi di laurea Unicusano afferenti all’area giuridica o a quella politologica rappresentano la soluzione ideale.

Il corso di laurea in giurisprudenza, di durata quinquennale, ti permette di:

  • Acquisire una padronanza degli elementi della cultura giuridica di base nazionale, internazionale ed europea, anche con tecniche e metodologie casistiche, in rapporto a tematiche utili alla comprensione e alla valutazione di principi e istituti del diritto positivo;
  • Attuare un approfondimento di conoscenze storico-filosofiche che consentano di valutare gli istituti del diritto positivo anche nella prospettiva teoretica e dell’evoluzione diacronica degli stessi;
  • Acquisire capacità di progettazione e stesura di atti giuridici (negoziali, processuali, normativi) adeguatamente argomentati, prodotti anche con l’uso di strumenti informatici;
  • Acquisire capacità critiche e autonomia di giudizio, di analisi casistica, di qualificazione giuridica, di comprensione, di rappresentazione, di valutazione e di consapevolezza per affrontare problemi interpretativi e applicativi del diritto positivo, anche in ambito economico.

I corsi di laurea afferenti all’area politologica sono:

  • Corso di Laurea Scienze politiche e relazioni internazionali (L-36)
  • Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionali (LM-52)

Il Corso di Laurea Scienze politiche e relazioni internazionali ha lo scopo di offrire allo studente nuove conoscenze e reali competenze in campo, politologico, economico e giuridico. La vocazione interdisciplinare di questo corso è dimostrata dall’attivazione di cattedre relative a diversi settori disciplinari, ad esempio in ambito storico (M-STO/04), storico-politico (SPS/02, SPS/06), sociologico (SPS/04, SPS/07), filosofico (SPS/01), giuridico (IUS/01, IUS/09, IUS/13, IUS/21), economico-sociale (SECS-P/01, SECS-S/01, MGGR/02).

A seguito del titolo triennale, potrai continuare i tuoi studi con il Corso di laurea magistrale in Relazioni internazionale e proseguire la tua specializzazione.

La metodologia telematica è la vera innovazione dei nostri corsi di laurea: potrai fruire delle lezioni comodamente online, accedendo ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore 24, 7 giorni su 7.

Per iscriverti ai nostri corsi di laurea e diventare uno studente Unicusano, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali