informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come pensare positivo: tecniche e consigli per essere ottimista

Commenti disabilitati su Come pensare positivo: tecniche e consigli per essere ottimista Studiare a Bologna

Sei alla ricerca di consigli su come pensare positivo?

In questa guida ti parleremo degli esercizi mentali utili per allenare il pensiero positivo e dei benefici che l‘ottimismo può avere sulla tua vita da studente e non solo.

In alcuni momenti pensare positivo può essere davvero complicato: il lavoro, la vita quotidiana o la sessione d’esame possono alterare le tue abitudini e sottoporti ad uno stress eccessivo difficile da gestire.

Reagire ai pensieri e ai sentimenti negativi ti aiuterà ad affrontare con più grinta e lucidità i tuoi problemi, permettendoti di vivere meglio. Vediamo ora come pensare positivo e come essere più ottimisti adottando l’atteggiamento giusto.

Come (e perché) i pensieri positivi influenzano la tua vita

Vedi il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto? Iniziamo subito il nostro viaggio per diventare ottimisti e vivere la vita con più spensieratezza e tranquillità.

Il potere dei pensieri: perché quelli positivi contano

Prima di vedere come pensare positivo, vediamo perché i pensieri contano e in che modo sono in grado di influenzare il nostro benessere e il nostro equilibrio psico-fisico.

Anche se non sembra, il modo in cui ti approcci alla vita è fondamentale per la tua salute: pensare positivo porta benefici non solo sulla produttività nello studio, ma anche nel lavoro e nelle relazioni con gli altri.

Non tutti nascono ottimisti e spesso possono verificarsi avvenimenti che non aiutano a pensare positivo: in questo caso, devi fare un piccolo sforzo e dedicarti ad attività e esercizi che stimoleranno il tuo ottimismo.

Molto spesso l’alibi del pessimista è quello di “prepararsi al peggio“, ma non c’è nulla di più sbagliato: pensando positivo sarai meno soggetto a preoccupazioni, stress e ansia da esame. Non solo: secondo molte ricerche, il pensiero positivo aiuta anche ad essere scelti dal datore di lavoro, perché denota maggior inclinazione a reagire con prontezza ai problemi.

Vediamo ora come pensare positivo e sconfiggere ansie e pessimismo in pochi step.

Come diventare ottimisti

Pensare positivo aiuta davvero? Abbiamo già risposto a questa domanda: l’ottimismo è il miglior alleato per una vita serena e felice. A questo punto, però, sorge spontanea un’altra domanda: come si diventa ottimisti?

Ecco alcuni esercizi e tecniche che possono aiutarti in questo percorso.

Accetta te stesso

La prima cosa che devi fare se vuoi imparare come pensare positivo è accettare te stesso. Questo non significa che tu debba rinunciare a migliorarti, anzi. Identifica il problema e chiediti il perché dei tuoi pensieri negativi. Prendere coscienza di un problema è il modo migliore per combatterlo.

Non sentirti sbagliato e non emulare il comportamento degli altri solo per sentirti accettato: finirai per peggiorare le cose. Se per natura sei introverso e hai bisogno di stare un po’ da solo ogni tanto, non forzarti ad essere estroverso a tutti i costi, perché andresti contro il tuo modo di essere.

Rispetta te stesso, le tue attitudini e cerca di migliorarti giorno dopo giorno, tenendo sempre in mente che non c’è nulla di sbagliato in te.

Fai una lista delle cose positive della tua vita

Quando ti senti giù e hai bisogno di una carica, non c’è soluzione migliore per allontanare i cattivi pensieri: stila un elenco di tutte le cose positive della tua vita, dalle amicizie alla carriera universitaria.

Prendi un foglio e metti nero su bianco tutti gli avvenimenti positivi che caratterizzano la tua vita. Osservando la lista, ti renderai conto che non sei così sfortunato come credi. Perciò pensa positivo e mettiti in moto per allungare ancora di più la lista delle cose belle!

Datti degli obiettivi

Se non sai come pensare positivo nel lavoro o mentre studi, probabilmente non hai pensato a degli obiettivi da raggiungere. Se ti sembra sempre di lavorare sodo ma di non arrivare mai al traguardo, è perché forse il tuo punto d’arrivo non è così chiaro come pensavi.

Ci hai mai pensato? Prendi un pezzo di carta e segna gli obiettivi che vuoi raggiungere, distinguendo:

  • Obiettivi a breve termine, raggiungibili in poco tempo, come in una settimana;
  • Obiettivi a medio termine, raggiungibili in un lasso di tempo più ampio, come un mese;
  • Obiettivi a lungo termine, raggiungibili sul lungo periodo, come ad esempio in tre mesi.

Prendi in considerazione la possibilità di pianificare le tue giornate e di darti degli obiettivi giornalieri da raggiungere: essere padrone del tuo tempo ti renderà più felice e consapevole, incentivando il pensiero positivo.

be positive

Rielabora le esperienze negative

Non tutti i mali vengono per nuocere. Le esperienze negative e i problemi possono essere vissuti in due modi: uno distruttivo e uno costruttivo.

Se vivi le difficoltà in modo distruttivo, probabilmente i tuoi pensieri saranno influenzati da malessere e negatività. Cerca di fare uno sforzo e trasforma i problemi in opportunità: se hai commesso un errore, cerca di capire dove hai sbagliato e fanne tesoro per il futuro.

Dedicati alle cose che ami

La ricetta migliore su come pensare positivo risiede proprio nelle tue passioni. Non dimenticare mai di coltivare i tuoi hobby e i tuoi interessi, soprattutto quando vivi un momento particolarmente problematico della tua vita.

Dedicarti alle cose che ami ti aiuterà a metabolizzare meglio e a dirottare i tuoi pensieri su qualcosa di rilassante e piacevole per te. Ad esempio:

  • Ascolta musica per rilassarti, magari ascoltando la tua band preferita;
  • Leggi;
  • Pratica sport per tenerti in forma e scaricare la tensione;
  • Lanciati in un nuovo hobby.

Non ingigantire le cose

Spesso il pensiero negativo deriva da un errore banale ma insidioso: hai mai pensato che, magari, stai esagerando?

Non vedere le inezie come un problema insormontabile e non permettere che modifichino il tuo stato d’animo. Cerca, piuttosto, di osservare le cose da un’altra prospettiva e concentrati sulle necessità importanti e sulle emozioni positive.

Circondati di persone positive

Se ti stai chiedendo come pensare positivo, gran parte del lavoro è legato all’ambiente che frequenti. Le persone della tua vita possono influenzare il tuo modo di pensare e di vedere la vita, specie se hanno un approccio negativo verso quest’ultima.

Circondati di tutti gli amici che, nel bene e nel male, hanno dimostrato di tenere a te. Scegli persone positive in grado di farti stare bene, con cui condividere un pomeriggio di pausa dagli studi o la cena del sabato sera.

Ricorda che, secondo gli studi, stare accanto alle persone a cui vuoi bene aiuta il tuo cervello a rilasciare dei neurotrasmettitori in grado di farti sentire felice (dopamina) e rilassato (serotonina). Approfitta di questo e coltiva relazioni per allontanare la negatività dalla tua vita.

Tre consigli per coltivare la felicità

Ora che abbiamo visto quali attività possono aiutarti a capire come pensare positivo, ecco tre consigli per coltivare la felicità ed essere sempre ottimista:

  • Non arrenderti e sii tenace. Abbandona la paura del fallimento e mettiti in gioco: solo così potrai davvero cambiare la tua vita;
  • Regala felicità agli altri per essere felice: una buona azione e un pensiero gentile nei confronti di qualcuno ti aiuteranno a sentirti importante;
  • Scegli un motto e portalo con te: adotta un motto o una frase “be positive” da mettere nell’agenda e da riguardare ogni volta che stai per scoppiare. Ti servirà come incoraggiamento per non mollare.

Hai le idee più chiare su come pensare positivo?

Siamo certi che, seguendo i consigli dell’Università Niccolò Cusano, riuscirai a vivere la vita e i tuoi studi con ottimismo e positività.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali