informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una tesi di laurea in economia e gestione delle imprese?

Commenti disabilitati su Come scrivere una tesi di laurea in economia e gestione delle imprese? Studiare a Bologna

Dopo anni di studio, hai dato finalmente l’ultimo esame del tuo corso di laurea in economia, concludendo il tuo ciclo di studi. Ora il primo pensiero legittimo che ti stai ponendo sarà sicuramente relativo a come scrivere una tesi di laurea in economia e gestione delle imprese.

Innanzitutto, è piuttosto intuibile ma mai troppo scontato ricordare a chiunque si stia approcciando ad un lavoro di tesi che il primo focus deve essere il linguaggio: lineare, chiaro e dritto al punto. Da evitare un’esposizione prolissa, troppo tecnica e metodica che potrebbe inficiare il lavoro di comprensione finale da parte della commissione d’esame.

Ma come ci si muove per scrivere una tesi, dall’introduzione alle conclusioni finali?

E per quanto riguarda gli argomenti, su quale orientarsi? Quale potrebbe essere una tematica utile da trattare? Ecco i suggerimenti dell’Università di Bologna Unicusano.

Tesi di laurea in economia e gestione delle imprese: come procedere

Dal momento in cui ci si approccia ad una tesi di economia, in genere si affronta questo processo impostando un’indagine che non può essere propriamente rapida e superficiale. Di solito si tratta di un lavoro che ha bisogno di tempo e della messa in atto di tutte quelle competenze che si sono apprese durante il percorso di studi.

Per questo motivo, è buona norma scegliere il prima possibile il relatore, accordandosi con lui/lei senza ridursi all’ultimo momento. Ciò vuol dire scegliere il relatore durante l’ultimo anno di studi e non a ridosso del termine degli esami.

Di seguito, le fasi da seguire per organizzare al meglio la tesi.

Quali sono i temi a cui ispirarsi

In primo luogo, se la difficoltà d’esordio riguarda i temi a cui ispirarsi per scrivere la tesi, un suggerimento utile è dare un’occhiata agli argomenti più attuali e diffusi.

Tra questi si possono annoverare:

  • L’unicità del Made in Italy e i motivi sottesi a questa realtà;
  • Le caratteristiche dell’Atto Amministrativo;
  • Il profilo del lavoratore: la Privacy, il Monitoraggio e il Rapporto di Lavoro;
  • Analisi e Sviluppo, con riferimenti a Internet, Big Data e Open Data;
  • Performance finanziaria dell’impresa e relazione con CSR;
  • Studio delle performance aziendali con relativa analisi di bilancio e strumenti per poterla migliorare;
  • Ruolo Della Bce in economia e crisi del Debito Sovrano.

Non è poi inusuale che molti studenti decidano di far vertere le proprie indagini su casi di aziende italiane o internazionali che possono essere dei validi oggetti di studio e osservazione, al fine di poter creare uno spunto per delle valutazioni finali.

Come gestire le fonti

Per scrivere una tesi, curarla e svilupparla in ogni sua sfumatura, è necessario fare appello a delle fonti per procedere con la ricerca. Le fonti e il loro ruolo rappresentano dei punti imprescindibili per portare a termine il lavoro di tesi, influenzandone l’esito finale.

Quindi, le fonti svolgono la funzione di ispirare lo studente per procedere nel suo lavoro di ricerca, sviluppando gli argomenti da trattare. Tutti i testi che sono serviti nell’elaborazione, che sono stati consultati e sfruttati come riferimento, dovranno essere poi riportati nella bibliografia da inserire nella tesi.

Successivamente, si potrà aggiungere al testo della tesi una serie di citazioni autorevoli per arricchire il lavoro svolto. Ognuna di queste sarà munita di una nota a piè di pagina che ne riporterà l’autore e il testo da cui è stata presa.

Ricorda che il lavoro di tesi, se in parte è personale, dall’altro si basa su un lavoro oggettivo di analisi; per questa ragione, non può essere affrontato in maniera troppo “creativa” e individuale, poiché deve essere il risultato di un processo di analisi e di uno studio ben consolidato.

La scaletta da seguire

La scaletta è un’operazione preliminare importantissima che dà la possibilità al lettore di orientarsi e allo studente di facilitarsi il lavoro durante l’elaborazione della tesi.

Dopo aver scelto l’argomento, la struttura della scaletta vedrà la partecipazione dello studente e del relatore, che dovranno concordarsi sui punti necessari.

Un esempio può essere il seguente:

  • Introduzione
  • Analisi dei dati in possesso
  • Gli obiettivi della ricerca
  • Metodologia di indagine adottata
  • Fasi dello sviluppo della ricerca
  • Analisi dei risultati
  • Conclusione

L’importanza dell’introduzione

L’introduzione della tesi ha un ruolo fondamentale, a prescindere dal corso di laurea di riferimento. Nel caso di economia e gestione delle imprese, l’elenco degli obiettivi illustrati al suo interno diventano essenziali perché danno un’idea dei punti che verranno affrontati progressivamente dal laureando.

Ragion per cui, anche in questo caso non deve venire meno la regola generale dell’utilizzo di un linguaggio chiaro e sintetico.

Infine, per tutti questi motivi, si consiglia di scrivere l’introduzione dopo aver svolto il lavoro di tesi, così da avere una panoramica d’insieme di tutti gli argomenti trattati.

Come strutturare le conclusioni

Le conclusioni della tesi, a dispetto di quel che si crede, non sono un semplice riassunto buttato a caso su quello che è stato detto nel corso dell’elaborato.

Si tratta più che altro di uno spazio in cui vengono riportati il metodo seguito, la struttura argomentativa e i vari risultati a cui si è giunti.

Per tutti questi motivi, consigliamo di scrivere le conclusioni a distanza di qualche giorno dalla fine della tesi, così da semplificarne la scrittura definitiva.

Su come scrivere una tesi in economia e gestione delle imprese abbiamo detto tutto: non ti resta che metterti a lavoro e concludere con successo il tuo ciclo di studi.

***

Credits Immagine: DepositPhotos / sinseeho

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali