informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come si diventa insegnanti: studi e opportunità

Commenti disabilitati su Come si diventa insegnanti: studi e opportunità Studiare a Bologna

Ti stai chiedendo come si diventa insegnanti? Beh, questa è sicuramente una delle domande più frequenti tra gli studenti che sentono questa vocazione all’insegnamento e vorrebbero intraprendere una carriera in questo campo.

La carriera scolastica è una delle più ambite in Italia; tuttavia, si tratta di un percorso lungo ed impegnativo, da non sottovalutare in nessuna parte di questo iter. Molto spesso il settore viene coinvolto da nuove normative e, per questo, è importante rimanere sempre aggiornato su ogni aspetto di questo percorso.

Vediamo ora come diventare insegnante e quali sono le parti che compongono questo percorso, dagli studi da fare al concorso pubblico per insegnanti.

Ecco come diventare insegnante

Se sogni di intraprendere una carriera nell’insegnamento, la prima cosa da sapere è che le regole cambiano a seconda di diversi parametri, che vanno dalle materie che si intendono insegnare al grado della scuola prescelta (elementare, media o superiore).

Ci sono, in generale, delle linee guida da conoscere per diventare insegnanti: ti sveleremo quali sono nel corso dei prossimi paragrafi.

LEGGI ANCHE >> Scienze della formazione a Bologna: quello che devi sapere

L’abilitazione all’insegnamento

La prima cosa da fare per poter insegnare è avere l’abilitazione all’insegnamento.

Se intendi insegnare presso scuola dell’infanzia e la scuola primaria l’abilitazione si ottiene già completando il percorso accademico: la laurea magistrale in scienze della formazione primaria, infatti, è già di per sé abilitante.

Per quanto riguarda gli altri gradi di formazione, fino al 2018, era obbligatorio il cosiddetto Tirocinio Formativo Attivo, un percorso annuale con accesso a numero programmato, istituito presso le Università al quale si poteva accedere solo dopo il conseguimento della laurea magistrale.

Con la Legge di bilancio 2019, però, è stata introdotta una novità determinante: il Tirocinio è stato abolito e rimpiazzato da un concorso abilitante che farà accedere a un percorso annuale di formazione iniziale e prova.

Il concorso

Secondo il regolamento attualmente vigente, si può diventare insegnante per la scuola secondaria di primo e secondo grado dopo aver superato un concorso pubblico (il concorso a cattedre).

Questo concorso è bandito ogni due anni solo nelle regioni e per le classi di concorso con posti vuoti. La partecipazione a questo concorso è riservata a chi ha già l’abilitazione. Tuttavia, se in presenza di alcuni requisiti, possono partecipare anche coloro che non hanno l’abilitazione. I requisiti sono, nello specifico:

  • Possesso di una laurea magistrale o a ciclo unico coerente con le classi di concorso per cui si concorre. Per classi di concorso si intendono quei requisiti accademici utili per poter accedere all’abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria, sia di primo che di secondo grado. Per verificare a quali classi di concorso dà accesso il proprio titolo di studio, visita il sito del MIUR
  • Aver conseguito 24 CFU (Crediti Formativi Universitari) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

Le prove del concorso: argomenti e struttura

Il concorso è composto da tre prove, due scritte e una orale.

Il primo scritto ha come fine quello di esaminare il livello di conoscenze dei candidati su una specifica area disciplinare, scelta in relazione a quelle previste nelle classi di concorso. Nel caso delle classi di concorso riguardanti le lingue e culture straniere, la prova deve essere prodotta nella lingua prescelta.

Il secondo scritto, invece, ha come fine quello di valutare la conoscenza dei candidati sulla discipline antropo-psico-pedagogiche e sulle metodologie e tecnologie didattiche.

Infine, la prova orale obiettivo di valutare il grado delle conoscenze e competenze del candidato in tutte le discipline che hanno che fare con la classe di concorso, in particolare con quelle che il candidato non ha trattato nello scritto. Completano il quadro la verifica delle conoscenze di una lingua straniera e il possesso di abilità informatiche di base.

Le conoscenze dell’insegnante

Abbiamo visto come si diventa insegnanti seguendo il percorso stabilito dalla legge. Ma quali sono le competenze necessarie per superare il concorso e per essere insegnanti perfetti? Sicuramente è bene dedicarsi allo studio approfondito delle discipline antropo-psico-pedagogiche, presenti nelle prove del concorso.

In particolare, dovrai dedicarti allo studio di:

  • Fondamenti della psicologia dello sviluppo, della psicologia dell’apprendimento scolastico e della psicologia dell’educazione
  • Strumenti legati alla metodologia didattica da applicare e alla valutazione degli alunni
  • Progettazione curriculare della disciplina

I corsi di laurea Unicusano dell’area formazione

Se stai pensando di diventare insegnante e non sai da quale formazione iniziare, eccoti accontentato: i corsi di laurea dell’Università Niccolò Cusano afferenti all’area formazione sono l’ideale per lanciarti in questa professione.

In particolare, i corsi di laurea previsti dalla nostra offerta formativa sono:

  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione (L-19) – curriculum Cognitivo Funzionale
  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione (L-19) – curriculum Pedagogico Sociale
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche (LM-85) – curriculum Socio-Giuridico
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche (LM-85) – curriculum Psico-Educativo

I primi due corsi di laurea sono di durata triennale, mentre i secondi sono di durata biennale e costituiscono la magistrale di specializzazione.

Il corso di laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione, curriculum cognitivo funzionale, è perfetto per sviluppare le conoscenze, le abilità e le competenze per la valutazione delle capacità cognitive e funzionali, oltre che dei giovani disabili, anche di soggetti di ogni età, sedentari, attivi e di soggetti affetti da patologie croniche.

In particolare, sono progettate attività per sviluppare le conoscenze e le strategie operative per intervenire, sia in condizioni di disagio psicosociale, nelle loro varie connotazioni, sia nella prevenzione e recupero, di funzioni fisiche e di funzioni cognitive migliorando i relativi deficit che inficiano i risultati del percorso riabilitativo psicosociale.

Gli sbocchi occupazionali sono molteplici, concentrati nel settore dell’insegnamento e della formazione professionale, così come nel reinserimento e nell’integrazione sociale.

Il corso di laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione, curriculum pedagogico sociale, si concentra nell’acquisizione di competenze come:

  • Programmare, progettare, attuare, gestire e valutare le azioni educative e formative dei servizi pubblici e privati e del terzo settore;
  • Operare nella prevenzione delle situazioni di disagio e di emarginazione sociale di singole persone, nuclei familiari e particolari categorie di soggetti (minori, adolescenti, anziani, tossicodipendenti, disabili, immigrati).

A seconda delle tue inclinazioni e dei tuoi obiettivi, potrai proseguire il tuo percorso di studi con una specialistica ad indirizzo socio-giuridico o psico-educativo.

La didattica Unicusano, curata dai massimi esperti del settore, viene erogata secondo la metodologia telematica. Potrai seguire le lezioni in qualunque momento, comodamente dalla tua città, collegandoti ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Se il tuo sogno è quello di diventare insegnante, inizia a realizzarlo investendo su una formazione di valore. Iscriviti ai nostri corsi di laurea e disegna il tuo futuro: compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali