informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come smettere di procrastinare nello studio: 5 consigli da seguire

Commenti disabilitati su Come smettere di procrastinare nello studio: 5 consigli da seguire Studiare a Bologna

La procrastinazione fa la sua entrata in scena con una semplice frase: farò domani.

Il rimandare sempre nello studio è un comportamento che, almeno una volta, affligge ogni studente. Per uno studente è essenziale sapere come smettere di procrastinare nello studio, poiché il continuo rinviare dei propri impegni di studio influenzerà il rendimento, ovviamente. Esiste una sottile linea che divide il prendersi delle pause dai propri impegni e il procrastinare in continuazione. È molto importante infatti “staccare la spina”. Le pause servono a sentire meno la stanchezza e trovare un equilibrio tra studio e vita privata.

La procrastinazione è ben diversa: è l’assenza di costanza nello studio, rimandare gli impegni per mancanza di motivazione o ragioni poco rilevanti, per investire poi il proprio tempo in attività poco proficue. In questa guida ti spiegheremo come smettere di procrastinare nello studio una volta per tutte con 5 semplici mosse. Iniziamo.

Come smettere di rimandare sempre lo studio a domani

Come smettere di procrastinare e rimandare sempre nello studio? Abbiamo per te una guida basata su 5 semplici passi:

  1. Definire i propri obiettivi
  2. Pianificare lo studio
  3. Iniziare dalle cose difficili
  4. Premiarsi
  5. Portare a termine ciò che inizi

Vediamo insieme come mettere in pratica questi step (e come possono cambiare radicalmente il tuo rapporto con i libri).

Perché si procrastina

Prima di entrare nel vivo della nostra guida, facciamo una piccola introduzione alle motivazioni che ci spingono a rimandare sempre. Questo è importante perché, per risolvere un problema, è importante agire direttamente sulle cause che non ci motivano ad andare avanti. Qualunque strategia, per funzionare, ha bisogno del giusto “perimetro” in cui trovare accoglimento: per questo crediamo che individuare le cause sia la priorità in questo processo.

Tendiamo a procrastinare perché:

  • Siamo pigri. Se non hai voglia di studiare, un ottimo esercizio è nel ritrovare la tua motivazione. Ripensa ai motivi per cui ti sei iscritto all’Università e tieni sempre a mente i tuoi obiettivi
  • Abbiamo paura di non essere all’altezza. La paura di “fallire” può distrarci dai nostri obiettivi. Allena la tua autostima e segui le istruzioni del punto #1 di questa guida per definire obiettivi realistici che ti aiuteranno a definire la direzione
  • Siamo perfezionisti. Se tendi a non affrontare un compito perché temi di non farlo perfettamente, è il momento di liberarti da questa convinzione e di…buttarti!

1 – Definisci i tuoi obiettivi

Il primo passo da compiere per smettere di procrastinare nello studio è porsi degli obiettivi. No, non parliamo di obiettivi qualunque: non basta dire “da oggi mi impegnerò nello studio con più costanza”.

Questi devono essere:

  • Specifici
  • Realistici
  • Definiti
  • Temporizzabili

In altre parole, puoi tenere a mente questi accorgimenti:

  • Focalizza la tua attenzione su un compito specifico da portare a termine. Questo può essere, ad esempio, quello di studiare uno specifico manuale
  • Ricordati che l’obiettivo deve essere realistico, concreto, altrimenti non lo porterai mai a termine. Accetta pertanto anche i tuoi limiti. Se sai che durante una giornata non riesci a studiare più di due capitoli, non pianificare di studiarne quattro! Ti mancherà la voglia anche solo di iniziare e finirai per rimandare sempre nello studio.
  • Datti sempre un tempo di studio, dividendo i tuoi obiettivi in micro e macro. Ad esempio, l’obiettivo macro può essere quello di studiare il tuo manuale in 30 giorni. Gli obiettivi micro possono essere quelli di studiare 3 capitoli al giorno per 20 giorni + 10 giorni di ripasso

#2 – Pianifica lo studio in un calendario

Pianificare lo studio dovrebbe essere fatto giornalmente, settimanalmente e mensilmente, così da individuare e distribuire il carico di studio da affrontare. Per prima cosa fissa le date degli esami in anticipo e segnatele. Creati ora uno schema con la mole di studio suddivisa a seconda degli esami, giorno per giorno:

ORARI COSE DA FARE
8:30 – 10:30 Studia primo capitolo per il primo esame
10:30 – 10:45 Pausa
10:45 – 12:30 Studia primo capitolo per il secondo esame
12:30 – 13:30 Pranzo
13:30 – 14:30 Ripasso dei capitoli studiati la mattina
14:30 – 16:30 Studiare primo capitolo del terzo esame
16:30 – 17:00 Pausa
17:00 – 18:00 Studiare secondo capitolo del terzo esame

Continua con questo ciclo e progredisci con i capitoli da studiare di volta in volta, così da mantenere costanza nello studio. Ovviamente, dovrai pianificare in base al carico di studio, ma per smettere di procrastinare non dovrai ridurti all’ultimo per farlo, altrimenti ti sentirai sopraffatto. Assicurati di definire un piano realistico, senza strafare. Come ti abbiamo detto, gli obiettivi devono essere specifici e realistici per essere portati a termini o anche solo essere presi in considerazione.

#3 – Fai prima le cose “difficili”

Come smettere di procrastinare? Agendo subito: tutte le cose che in genere tendiamo a rimandare, vanno fatte il prima possibile. Facci caso: tutto ciò che in genere rimandi, sono cose che per te sono più difficili, o più noiose, o che ritieni meno importanti. Lasciare queste per ultime, significa che non le farai mai. Anche in ambito accademico, per smettere di procrastinare nello studio, dovrai individuare ciò che di solito rimandi e farlo subito, tutto il resto troverà tempo.

Un sistema efficace per fare questo è quello di identificare, nella tua programmazione, la cosa che più ti “pesa” fare e metterla in cima alle tue priorità. Organizzare i compiti per priorità ti aiuta a sgombrare la mente e a sapere esattamente cosa devi fare in un determinato momento della giornata.

#4 – Premia il tuo impegno

Il cervello umano, alla base, funziona come quello di ogni altro animale. Se veniamo premiati per un’azione precisa, saremo più motivati a rifarla.

Ecco perché è importante premiarsi ogni qualvolta che porti a termine un task o rispetti il programma che ti eri fissato. Riconosci il tuo impegno dandoti delle ricompense. Ogni cosa può andare bene, purché sia qualcosa di speciale che riconosci come premio. Ad esempio, delle uscite extra, un po’ di shopping, un pasto che ti piace, o qualsiasi cosa che di norma non faresti e che ti rende felice.

#5 – Porta a termine tutto ciò che inizi

Se di solito non porti a termine un compito, è per tre motivi:

  • Non avevi pianificato nulla e hai agito a caso;
  • Hai pianificato, ma o l’hai fatto male e non era un piano realistico (rileggi il punto #1) o non hai dato l’importanza dovuta;
  • Era superfluo e non sei abbastanza motivato: non sei nemmeno sicuro del perché hai iniziato

È essenziale non lasciare le cose a metà e portare a termine tutto ciò che si inizia. Tutto tranne ciò che si può eliminare senza problemi. Lasciare le cose in sospeso ti farà sentire autorizzato rimandare a oltranza. Ricorda che niente si fa da solo! Prendi le redini, pianifica, elimina le distrazioni, agisci e la procrastinazione non sarà più un problema.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali