informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa sono le prove INVALSI, a che servono e come si svolgono

Commenti disabilitati su Cosa sono le prove INVALSI, a che servono e come si svolgono Studiare a Bologna

Se hai intenzione di lavorare nel mondo dell’insegnamento, avrai sicuramente a che fare con le prove INVALSI.

Le prove INVALSI (Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione) sono prove scritte che, ogni anno, vengono svolte da tutti gli studenti italiani delle classi previste dalla legge attualmente vigente.

L’obiettivo di queste prove è quello di valutare, in alcuni momenti chiave del ciclo scolastico, i livelli di apprendimento degli studenti su specifiche materie come Italiano, in Matematica e in Inglese. Esaminando i dati delle prove, sarà possibile ottenere metriche per la valutazione a livello di classe, di istituto, regionale e nazionale.

Se sei uno studente di scienze della formazione primaria a Bologna e vorresti saperne di più su come funzionano queste prove e in che modo coinvolgono le attività svolte nelle scuole, continua nella lettura: ti spiegheremo tutto ciò che devi sapere sulle INVALSI.

Tutto sulle prove nazionali INVALSI

Da qualche anno a questa parte le prove INVALSI sono entrate nella vita degli studenti. Conoscerne il funzionamento è fondamentale per chi ambisce a lavorare all’interno del mondo dell’istruzione. Ecco una panoramica completa sull’argomento.

Le origini

Pur essendo di introduzione piuttosto recente, le prove INVALSI affondano le loro radici in proposte che hanno più di vent’anni. L’idea di istituire un Sistema Nazionale di Valutazione del sistema scolastico risale, per l’appunto, agli anni Novanta.

La necessità sempre crescente di introdurre un sistema efficace in tal senso ha spinto i decisori a sperimentare le prime prove INVALSI di Matematica e Italiano nell’anno scolastico 2005-2006. Da quel momento in poi, l’evoluzione delle prove è stata dettata in parte dalla normativa, in parte dal miglioramento delle modalità di valutazione e di somministrazione dei questionari.

Con il decreto legislativo 62/2017 sono state introdotte novità significative rispetto all’assetto originario. Possiamo riassumerle in questi punti fondamentali:

  • Nelle classi quinta primaria e in terza secondaria di primo grado, a partire dal 2018, è stata aggiunta alle prove di Matematica e Italiano una prova di Inglese, che consiste in un esame di lettura e uno di ascolto
  • Sempre a partire dal 2018, ad eccezione delle prove svolte nelle classi seconda e quinta primaria, per tutti gli altri gradi i test sono effettuati al computer – mediante Computer Based Testing – e i risultati vengono trasferiti direttamente all’INVALSI
  • I risultati delle prove del Grado 8 (terza secondaria di primo grado) vengono restituiti anche sotto forma di livelli di competenze, descrivendo ciò che lo studente sa fare negli ambiti circoscritti dalle prove

A cosa servono le prove

Come abbiamo accennato, le prove INVALSI servono per valutare le competenze acquisite dagli studenti su determinate tematiche in diversi momenti del loro percorso formativo. La normativa prevede che tutti gli studenti interessati svolgano una prova di italiano, di matematica e, in alcuni casi, anche di inglese.

I risultati ottenuti servono per definire i Quadri di Riferimento per la valutazione e conoscere le competenze degli studenti, per capire quali sono i punti di forza e di debolezza e le eventuali differenze tra istituti e tra località.

La valutazione non avviene in “voti”, ma in livelli che descrivono le capacità e le competenze raggiunte. Il fine ultimo prefissato dalle prove INVALSI può essere dunque riassunto nell’ottenere metriche valide per conoscere eccellenze e vulnerabilità del sistema scolastico, capire come migliorare la situazione e analizzare a fondo eventuali differenze emerse tra gli studenti.

Come si svolgono le prove

Le prove INVALSI si svolgono nei mesi primaverili; sono previste sia prove su carta, sia prove al computer.

Durante le prove su carta gli studenti avranno tutti le stesse domande a cui rispondere, anche se può variarne l’ordine all’interno dei fascicoli. Nelle prove al computer, invece, ogni studente affronta una prova diversa, ma tutte le prove hanno il medesimo livello di difficoltà.

Entrando nello specifico delle prove:

  • La prova di Italiano è utile per analizzare due tipologie di competenze; la prima misura la comprensione di documenti scritti tratti da letteratura o saggistica. La seconda riguarda, invece, la grammatica e l’utilizzo della lingua
  • La prova di Matematica indaga sulle capacità dello studente nella logica, nella costruzione di modelli e nell’interpretazione di elaborazioni numeriche
  • Infine, la prova di Inglese si basa sia sull’ascolto (listening) che sulla lettura (reading)

Per poter svolgere le prove, ogni alunno avrà un tempo di 90 minuti.

I risultati

Gli esiti delle prove vengono poi elaborati e posti in un’apposita scala di punteggi. Letti nella loro complessità, i dati delle prove restituiscono una fotografia del sistema scolastico italiano, che mette in evidenza differenze territoriali e una certa eterogeneità in ciascuna area coinvolta.

Lavorare nelle scuole: da dove cominciare

Abbiamo visto meglio cosa sono e a cosa servono le prove INVALSI all’interno delle scuole. Se ambisci a lavorare nel mondo dell’istruzione, uno dei primi passi da fare è iniziare una formazione completa nel campo della sociologia, della psicologia e della pedagogia.

I corsi di laurea Unicusano della facoltà di scienze della formazione rappresentano la giusta opportunità per acquisire tutte le competenze di cui hai bisogno per operare nel settore. Attualmente l’offerta formativa del nostro Ateneo prevede corsi di laurea triennali e magistrali che sono, nello specifico:

  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione (L-19) – curriculum Educatore Psico-Educativo e Sociale
  • Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione (L-19) – curriculum Educatore Servizi per l’infanzia
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche (LM-85) – curriculum Socio-Giuridico
  • Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche (LM-85) – curriculum Psico-Educativo

I primi due percorsi di formazione, di durata triennale, offrono le basi in campo sociologico, pedagogico e psicologico. A seconda dell’indirizzo di specializzazione che sceglierai, avrai una formazione più orientata al servizio sociale o a quello per l’infanzia.

Le due magistrali invece, di durata biennale, offrono una preparazione specialistica nell’ambito delle scienze pedagogiche, sociali, psicologiche e giuridiche.

Laurearsi online con Unicusano

La vera innovazione del nostro Ateneo risiede nella metodologia didattica adottata: la metodologia telematica. Grazie a questo approccio, potrai formarti “a distanza” guardando le lezioni in streaming in qualunque luogo e in qualunque momento. Accedendo alla tua Area Studente del nostro portale telematico, potrai vedere le lezioni, scaricare il materiale didattico di supporto allo studio e interagire con docenti e colleghi di corso.

La flessibilità del nostro Ateneo è l’ideale per tutti coloro che desiderano coniugare al meglio studio e lavoro, organizzando in piena libertà il proprio tempo.

Per iscriverti all’Università Niccolò Cusano di Bologna, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali