informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

La laurea Italiana vale anche all’estero? Ecco quello che c’è da sapere

Commenti disabilitati su La laurea Italiana vale anche all’estero? Ecco quello che c’è da sapere Studiare a Bologna

La laurea Italiana vale anche all’estero? Questa è una domanda che tantissimi giovani oggi si pongono.

Sempre più spesso, infatti, i giovani laureandi o laureati pensano di trasferirsi all’estero per lavorare. La scelta di andare via, definitivamente o solo per un periodo di tempo, dipende da tanti fattori.

Prima di tutto la precarietà percepita del mercato del lavoro. Le notizie che si sentono dare da notiziari e quotidiani riguardano frequentemente difficoltà nel trovare un impiego. Nel conservarlo. E, purtroppo, nel periodo di crisi economica in cui il nostro paese si trova. Dal quale sembra non riuscire ad uscire.

In secondo luogo sono le condizioni lavorative ad essere la spinta per la decisione di partire. L’Italia, infatti, non è tra i paesi più virtuosi in ambito di condizioni e possibilità lavorative. Quanto spesso si sente parlare di aziende estere in cui si lavora bene. Gli orari non sono come quelli italiani, per non parlare delle retribuzioni. Quasi ogni anno, ad esempio viene stilata una classifica delle migliori aziende in cui lavorare. Raramente sono presenti aziende made in Italy.

Infine, ciò che spinge i giovani ad espatriare è la prospettiva di carriera e l’esperienza rivendibile. Di sicuro, infatti, poter mettere nel curriculum qualche anno di lavoro presso una determinata azienda non può che essere un vantaggio. Un’esperienza a Londra piuttosto che in America è un bel biglietto da visita. Se poi durante quegli anni si è riusciti anche a migliorare la propria posizione facendo un pò di carriera il quadro si completa.

Motivi per scegliere di fare questa esperienza ce ne sono tanti. L’importante è farla ben informati e con tutte le carte in regola.

Ed ecco quindi il motivo della domanda che tanti si pongono:

La laurea Italiana vale anche all’estero?

laurea-italiana-vale-anche-estero

La risposta è dipende. Dipende dal tipo di laurea e dal paese dove si sceglie di andare.

In linea generale bisogna distinguere tra professioni regolamentate nello stato di provenienza e non.

  • Se lo scopo è  lavorare esercitando una professione non regolamentata quello che serve è quindi solo il riconoscimento del titolo di laurea. In questo caso esistono organismi europei, come l’Enic-Naric, che si occupano proprio di questo. Danno supporto ed assistenza per le procedure di riconoscimento di titoli in Europa e fuori dall’Europa.
    Tutto quello che bisogna fare è individuare lo stato dove si vuole andare e verificare quali sono le regole per ottenere il riconoscimento della laurea conseguita in Italia.
    Ovviamente, se la destinazione è un paese europeo, potrebbe essere più semplice in virtù di vari accordi rispetto a paesi non facenti parte dell’EU;
  • Se, invece, lo scopo è esercitare una professione regolamentata le cose sono un pò diverse. Innanzitutto è preferibile conseguire anche l’abilitazione all’esercizio, oltre la laurea, in Italia.
    Fatto ciò è bene sapere che per quanto riguarda l’Europa ci sono alcune professioni per le quali sono state previste specifiche direttive. Queste sono tra le altre:

    • medico,
    • ingegnere,
    • avvocato,
    • dentista,
    • biologo,
    • farmacista,
    • fisioterapista

Per tutte quelle non rientranti in queste direttive ne sono state emanate due, più generiche.
La Direttiva 89/48/CEE, che riguarda tutte quelle professioni per il cui accesso è prevista una formazione di livello universitario o superiore di almeno tre anni.

La Direttiva 92/51/CEE, che riguarda le professioni che richiedono una formazione di livello universitario inferiore a tre anni, o non universitario di durata qualsiasi o secondario breve o lungo.

Il combinato disposto di queste due direttiva è il cosiddetto Sistema Generale. Ovvero si applicano a tutte quelle professioni che non rientrano in una specifica Direttiva.

Stabiliscono tre principi fondamentali:

  • La reciproca fiducia tra gli stati: per cui uno stato membro non può rifiutare il riconoscimento del titolo di un cittadino europeo, dando per valido il sistema formativo dello stato di provenienza;
  • Il riconoscimento è accordato, come detto, ad un professionista già abilitato nel suo stato di provenienza e, quindi, in possesso oltre che del titolo di laurea del riconoscimento professionale;
  • In caso di differenze sostanziali nelle materie di formazione, le direttive prevedono meccanismi di compensazione. Ovvero prove attitudinali, periodi di tirocinio o esperienza professionale complementare. Questo ad esempio nel caso di commercialisti. Le normative fiscali di due paesi possono essere completamente diverse. Per cui è necessario integrare la formazione ricevuta con una istruzione specifica sul sistema fiscale del paese di destinazione.

Se invece la destinazione è un paese non Europeo, potrebbe esserci la possibilità di non vedersi riconosciuto il titolo professionale. In questo caso è necessario prendere contatti con gli uffici competenti del paese extra-UE per informazioni su modalità, limitazioni e divieti di riconoscimento.
E bene, quindi, programmare la partenza con un congruo anticipo. In modo tale da poter prendere le corrette informazioni ed iniziare l’iter necessario per il riconoscimento del titolo. Se la Laurea Italiana vale anche all’estero di opportunità ce ne saranno tante e sarà sicuramente una bellissima esperienza di vita.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali