informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come dormire meglio: 7 consigli da seguire

Commenti disabilitati su Come dormire meglio: 7 consigli da seguire Studiare a Bologna

Una delle cose più importanti in assoluto per uno studente è la qualità del sonno. Dormire bene è fondamentale per essere produttivo sui libri, tanto quanto un regolare esercizio fisico e una dieta sana ed equilibrata.

Secondo diversi studi, avere un sonno “disturbato” ha effetti negativi sugli ormoni e sulla funzionalità cerebrale; ne consegue che, se vuoi davvero puntare all’efficienza, prenderti cura anche della qualità del sonno dovrà diventare una tua priorità.

In linea generale, negli ultimi anni sia la qualità del sonno che la quantità sono diminuite. Gli stili di vita frenetici e la tendenza a trascorrere molto tempo davanti agli schermi riduce ancora di più le possibilità di riposare con serenità. Ecco i sette consigli che da seguire per garantirti un sonno ristoratore.

Come migliorare la qualità del sonno (e studiare meglio)

Se pensi a come potenziare il tuo cervello, probabilmente non prendi mai in considerazione aspetti come la qualità del sonno. In realtà, il tuo riposo è uno dei fattori che più influenzano la qualità delle tue performance e anche della tua vita. Se ti capita spesso di dormire male, ti sentirai irritato, nervoso, distratto. In questa guida dell’Università Niccolò Cusano abbiamo raccolto i migliori consigli per un sonno di qualità: iniziamo subito.

Limita la caffeina

Se passi molto tempo sui libri, probabilmente sei un amante della caffeina. Sì, la caffeina ha notevoli benefici: bere un caffè può migliorare la concentrazione, l’energia e le prestazioni sportive. Tuttavia, se consumata a fine giornata o se tendi ad abusarne, la caffeina rischia di stimolare troppo il tuo sistema nervoso impedendoti di rilassarti.

Secondo alcuni studi, assumere caffeina 6 ore prima di andare a dormire peggiora la qualità del sonno. Questo perché la caffeina circola nel tuo sangue per un periodo di tempo che varia mediamente dalle 6 alle 8 ore;  bere grandi quantità di caffè dopo le 3–4 del pomeriggio non è raccomandato, specialmente se sei sensibile alla caffeina o hai problemi a dormire.

La soluzione, in questo caso, potrebbe essere quella di assumere un decaffeinato dopo una certa ora del giorno e limitare l’assunzione (non abuso) del caffè alle prime ore della giornata.

Trascorri tempo all’aria aperta

La connessione con la natura è un vero toccasana. Devi sapere che il nostro corpo ha una sorta di orologio biologico naturale, noto come ritmo circadiano, che ha un potere sul cervello, il corpo e gli ormoni, aiutandoti a rimanere sveglio e comunicando al tuo corpo quando è il momento di dormire.

Trascorrere tempo all’aperto, restando sotto i raggi del sole, ti aiuta a mantenere sano il ritmo circadiano e ad essere più energico durante il giorno e a riposare meglio durante la notte. Se vuoi migliorare il tuo sonno, inizia con una passeggiata.

Cura sport e alimentazione

Fare movimento durante il giorno migliora i sintomi dell’insonnia e dell’apnea notturna, aumentando la durata delle fasi di sonno profondo. Non è necessario fare sport particolarmente pesanti: può bastare anche camminare un po’ all’aperto. Allo stesso tempo, anche una sana alimentazione è importante per dormire bene: i pasti troppo grassi e pesanti rischiano di disturbare il tuo sonno, per via del tempo impiegato per la digestione.

Rendi il pranzo il tuo pasto principale e opta per una cena più leggera.

Vai a dormire e svegliati alla stessa ora

Abbiamo già detto che il tuo corpo ha una sorta di orologio interno. Ebbene, il ritmo circadiano del tuo corpo funziona su un ciclo fisso, allineandosi all’alba e al tramonto. Alternare i momenti di sonno e i tempi di veglia può aiutare a migliorare notevolmente la qualità del sonno sul lungo periodo.

Avere un ritmo sonno-veglia molto irregolare può agire negativamente sul tuo ritmo circadiano e alterare i livelli di melatonina, un ormone che è in grado di “segnalare” al cervello quando giunge il momento di andare a dormire. Se fai fatica a dormire, cerca di prendere l’abitudine di svegliarti e andare a letto più o meno alla stessa ora. Sì, sarebbe utile acquisire lo stesso ritmo anche nel weekend.

Impara a conoscere la melatonina

La melatonina è un ormone, prodotto naturalmente dal nostro corpo, che ha un compito fondamentale: inviare dei segnali al nostro cervello quando è il momento di rilassarsi e di andare a dormire. Per dormire meglio, potrebbe essere utile valutare con il giusto supporto medico degli integratori di melatonina.

Spesso usata per curare l’insonnia, la melatonina può essere uno dei modi più semplici per addormentarsi più velocemente. Gli integratori di melatonina trovano largo impiego in tutte quelle persone che hanno difficoltà a dormire bene e ad addormentarsi velocemente. In realtà si assume melatonina anche per affrontare un lungo viaggio e quando, ad esempio, ci si trova davanti ad un nuovo fuso orario a cui adattarsi.

Ci sono anche altre sostanze che possono aiutarti a dormire meglio. Il tuo medico può sicuramente consigliarti la scelta migliore per te. In generale, sostanze come il Ginkgo biloba e il magnesio possono essere un validissimo supporto. Il Ginkgo biloba è un’erba naturale in grado di favorire il rilassamento e la riduzione dello stress e di conseguenza, migliorare la qualità del sonno. Il magnesio è utile per rilassarsi e migliorare la qualità del sonno.

Evita di dormire durante il giorno

Uno degli “errori” più comuni che vengono commessi è dormire troppo durante il giorno. Se studi molto, può capitare di sentirti particolarmente stanco e di avere bisogno di dormire anche nel pomeriggio. Se, da una parte, un riposo di breve durata può essere utile per recuperare i giusti livelli di energia, un sonno troppo prolungato può avere un peso non indifferente sulla qualità del tuo sonno generale.

Questo perché dormire “fuori orario” può alterare il tuo ritmo circadiano e farti avere qualche difficoltà a prendere sonno la sera.

Elimina gli schermi

Abbiamo detto che trascorrere del tempo alla luce naturale durante il giorno aiuta a migliorare la qualità del sonno. Se vuoi capire come dormire bene, però, c’è un aspetto fondamentale che riguarda le “luci notturne”, quelle che derivano dagli schermi come tv, tablet, pc e smartphone.

Il consiglio è quello di limitare la luce blu degli schermi prima di andare a dormire perché, anche questa volta, possono agire sul ritmo circadiano, che, “confuso” dall’esposizione alla luce notturna induce il cervello a pensare che sia ancora giorno. In questo modo la melatonina avrà difficoltà a dare al cervello i giusti segnali e dormire bene sarà più complicato.

Ora abbiamo visto sette consigli per migliorare il tuo sonno: non ti resta che metterli in pratica e godere di tutti i loro benefici.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali