informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come fare un’analisi del testo: ecco i passaggi da seguire

Commenti disabilitati su Come fare un’analisi del testo: ecco i passaggi da seguire Studiare a Bologna

Come fare un’analisi del testo? Questa è sicuramente una delle domande che ti sarai posto più spesso quando ti sei trovato a dover affrontare un’analisi del testo narrativo o poetico.

L’analisi di un testo letterario, sia esso narrativo o poetico, richiede non solo una buona capacità di scrittura, ma anche e soprattutto di un’ottima capacità di comprensione del testo e analisi sia contenutistica che formale. Il fine ultimo . quello di imparare l’approccio giusto per comprendere il significato profondo di un qualsiasi testo, sfruttando questa abilità non solo all’università, ma anche nel mondo del lavoro.

Vediamo ora come fare un’analisi testuale, dai procedimenti da seguire agli accorgimenti da adottare.

Quello che devi sapere per fare un’analisi testuale

Devi svolgere un’analisi del testo ma non sai da dove iniziare? Niente paura: in questa guida dell’Università Niccolò Cusano di Bologna ti spiegheremo, passo dopo passo, come si fa un’analisi del testo perfetta. Se sei pronto, iniziamo subito.

LEGGI ANCHE – Libri da leggere almeno una volta nella vita: ecco la nostra lista

Analisi del testo: i passaggi da seguire

Per un’analisi del testo generica, i principi da seguire e da applicare possono essere riassunti in questi punti:

  • Leggi con assoluta attenzione tutto il testo: che si tratti di prosa o poesia, leggi tutto il brano, compresa l’introduzione. Se propedeutico alla comprensione del testo, rileggilo più volte, almeno due o tre. Rileggere il brano, infatti, ti aiuterà a fissare meglio i concetti e a comprendere anche le sfumature che possono sfuggire al primo sguardo;
  • Prepara una scaletta: prima di iniziare a scrivere, prepara una scaletta che racchiuda tutti i punti da seguire per svolgere la traccia. In una buona scaletta sono contemplati un’introduzione all’argomento, la parte relativa alla comprensione del testo (tematica e riassunto o parafrasi), l’analisi del testo (argomenti trattati, stile, analisi formale) , l’approfondimento e la conclusione (approfodimenti vari, confronti).

Vediamo ora come articolare ciascun punto di questa scaletta:

  • Fase introduttiva: come abbiamo detto, se vuoi capire come si fa l’analisi del testo devi partire dall’introduzione. In questo spazio devi presentare il testo da analizzare precisando il titolo, l’autore, l’opera, e la tematica principale.
  • Comprensione del testo: a questo punto dovrai fare un piccolo riassunto del testo, così da delinearne il contenuto nei punti generali. Nel caso della poesia è possibile che venga richiesto di fare la parafrasi;
  • Analisi del testo: dopo la parte relativa alla comprensione del testo, si passa all’analisi vera e propria. L’obiettivo è quello di rispondere alle domande che accompagnano il testo, che potrebbero avere a che fare con correnti letterarie, stile di scrittura, tematiche e termini specifici. Nel caso della poesia bisogna analizzare anche l’aspetto formale, dunque la metrica e le figure retoriche, ricordando di riportare sempre le parti del testo citate;
  • Interpretazione complessiva e approfondimenti: mentre ci avviamo alla parte conclusiva della nostra analisi, è bene arricchirla con approfondimenti come nessi con altre opere dello stesso autore o di altri, magari inserendolo nel contesto storico-letterario a cui appartiene.

Analisi del testo poetico: come procedere

Nel paragrafo precedente abbiamo visto, in linea generale, i passaggi da mettere in atto per l’analisi del testo, sia che si tratti di un testo narrativo, sia che si tratti di poesia.

Vediamo ora le specificità dell’analisi del testo poetico, prendendo ad esempio una celebre poesia di Giacomo Leopardi, A Silvia.

Qual è la prima cosa da fare per una buona analisi di una poesia? Sicuramente leggerla: con questo intendiamo una lettura impegnata, per sforzarsi di capire l’insieme dei termini, e farci un’idea di quello che l’autore intende dire. Per questo motivo non basta una sola lettura, ma è meglio leggere il testo almeno due volte, insieme all’introduzione (se c’è) e alle note.

Introduzione

Iniziamo la fase di scrittura con un’introduzione, una sorta di cappello generale sulla poesia e sull’autore. Un esempio potrebbe essere:

A Silvia è una lirica composta da Giacomo Leopardi, tra il 19 e il 20 aprile del 1828, subito dopo Il risorgimento. Leopardi la scrisse poi in forma definitiva il 29 settembre. Secondo molti storici, la figura di Silvia sarebbe in realtà da collegare a Teresa Fattorini, figlia del cocchiere di casa Leopardi, nata il 10 ottobre 1797. Morì stroncata dalla tubercolosi nel settembre 1818, all’età di soli vent’anni. La poesia, infatti, è un emblema della riflessione leopardiana sul ricordo e tocca diverse tematiche importanti, come la fragilità della vita.

Parafrasi della poesia

La parafrasi è utile a mettere in chiaro il significato delle parole poetiche, sostituendole con vocaboli di uso comune e facilmente comprensibili. Proviamo a fare la parafrasi dei versi iniziali di A Silvia:

Testo

Silvia, rimembri ancora

Quel tempo della tua vita mortale,

Quando beltà splendea

Negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi,

E tu, lieta e pensosa, il limitare

Di gioventù salivi?

Parafrasi

Silvia, ricordi ancora

quel tempo della tua breve vita mortale

quando nei tuoi occhi ridenti e timidi

splendeva la bellezza, e tu, felice

e pensierosa, ti avvicinavi

al fiorire della giovinezza?

Il commento

Dopo la parafrasi, un’analisi del testo poetico prevede anche un commento sui versi, descrivendo il contenuto di ogni singola strofa, parlando in III persona e analizzando tutti gli elementi che ci sembrano importanti.

Sempre in riferimento alla prima strofa, potremmo scrivere:

L’opera leopardiana esordisce con una domanda retorica, rivolta proprio a Silvia: ricorda, lei, la sua giovinezza? L’interrogativo resta senza risposta. L’immagine che abbiamo di Silvia ci viene offerta dagli occhi del poeta e dai suoi ricordi. Utilizzare il termine rimembri, infatti, pone subito la dimensione temporale come punto focale attorno a cui, oltre a Silvia, ruota anche il poeta: il prima e il dopo, il passato felice, cui appartiene anche la speranza (quindi il futuro nel passato), e il triste presente.

Struttura della poesia

A questo punto è giunto il momento di analizzare la struttura della poesia, cogliendo tutti gli elementi formali. Stiamo parlando di:

  • Metrica
  • Rima
  • Figure retoriche e linguaggio

Nel caso della metrica, riferendoci al nostro esempio di analisi del testo poetico, potremmo scrivere:

La poesia è una canzone libera di endecasillabi e settenari con prevalenza di quest’ultimi: 34 settenari e 29 endecasillabi.

Nel caso della rima:

L’ultimo verso di ciascuna strofa rima con uno dei versi che lo precedono.

Infine, parlando di figure retoriche e linguaggio:

Il ritmo della poesia è reso incalzante grazie soprattutto alle anafore. Ne è un esempio: “Che pensieri soavi, / Che speranze, Che cori” (vv. 28-29). Per la stessa ragione, troviamo la geminatio (ripetizione) “o natura, o natura” (v. 36). Anche le enjambements sono presenti nell’opera leopardiana: “sonavan le quiete / stanze” (vv. 7-8); “peria fra poco / la speranza mia dolce” (vv. 49-50); “negaro i fati / la giovanezza” (vv. 52-53). Le metafore più importanti sono: “il fiore degli anni tuoi” (v. 43), cioè la giovinezza; e “cara compagna dell’età mia nova” (v. 54), per indicare la “speranza”, e quindi le aspettative del futuro. Rilevanti anche metonimie come “sudate carte” (v. 16); “faticosa tela” (v. 22); “lingua mortal” (v. 27). Per quanto riguarda i suoni della poesia abbiamo un trionfo della sillaba “-vi” presente anche nel nome “Silvia”, che produce numerose allitterazioni: ne sono esempi “vita” (v. 2), “fuggitivi” (v. 4), “salivi” (v. 6), “sedevi” (v. 11), “avevi” (v. 12), “solevi” (v. 13), “soavi” (v. 28), “perivi” (v. 42), “vedevi” (v. 42).

Approfondimento e conclusione

Dopo l’analisi, è giunto il momento di integrare eventuali approfondimenti sulla vita e sul pensiero del poeta, tenendo in assoluta considerazione anche il contesto in cui l’opera è stata scritta.

Su come fare un’analisi del testo abbiamo detto tutto, per ora: siamo certi che, grazie ai nostri consigli, riuscirai ad apprendere tutti i passaggi utili per svolgere al meglio questo tipo di attività.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali