informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come vincere la pigrizia: ecco i 5 consigli per essere attivo

Commenti disabilitati su Come vincere la pigrizia: ecco i 5 consigli per essere attivo Studiare a Bologna

Vorresti essere più produttivo e scoprire qualche consiglio utile su come vincere la pigrizia? Beh, che tu sia uno studente universitario o un lavoratore (o entrambe le cose), ti saranno sicuramente capitati dei momenti in cui la voglia di oziare era davvero irresistibile.

Non sempre, infatti, siamo predisposti ad essere produttivi: ci sono dei momenti in cui, per una serie di motivi, la nostra determinazione cala e la nostra voglia di darci da fare rimane ai minimi storici. Se pensi di essere pigro e vorresti capire come combattere la pigrizia, sei nel posto giusto: in questa guida dell’Università Niccolò Cusano abbiamo raccolto i migliori consigli per lasciarsi la pigrizia alle spalle e rendere la nostra vita super attiva.

Se sei pronto, iniziamo subito.

Ecco come combattere la pigrizia in poche semplici mosse

Per chiunque sia impegnato a raggiungere il massimo delle prestazioni, lo sviluppo personale, l’autorealizzazione e l’autocontrollo, la pigrizia può sembrare un nemico mortale da abbattere assolutamente. Ma da dove partire per eliminare la pigrizia mentale e tutte quelle resistenze che inibiscono la nostra crescita?

Quando parliamo di pigrizia, di solito intendiamo quel desiderio di essere oziosi, di non fare nulla e di resistere allo sforzo. Si tratta di un vero e proprio stato di passività, lontano dall’azione, che tende a lasciare le cose come sono.

A volte un po’ di pigrizia è del tutto giustificata, come ad esempio dopo una lunga giornata di studio o di lavoro. Tuttavia, se la voglia di non fare nulla capita troppo spesso e influisce negativamente sulla tua vita, significa che è proprio arrivato il momento di agire.

Per scoprire come vincere la pigrizia, continua a leggere questa guida: troverai una serie di consigli utili nei prossimi paragrafi.

LEGGI ANCHESmettere di procrastinare: tecniche e consigli per imparare ad agire subito

1 – Sei pigro o sopraffatto?

Capire come fare per vincere la pigrizia è importante, ma sei sicuro di essere davvero pigro?

Beh ci sono diverse persone in realtà attive e produttive che si identificano come “pigre” perché trascorrono il tempo libero a rilassarsi, o hanno progetti che vogliono portare avanti ma che non hanno finito.

In una società dinamica, che ci vuole perennemente “occupati”, dedicarti all’ozio o alle tue passioni può essere vissuto quasi come un peccato mortale. in questo caso, è facile convincerti che non sei concentrato, produttivo o abbastanza attivo.

Ti sei chiesto se la tua è una vera pigrizia, oppure solo necessità di ritagliarti qualche ora per te stesso? La prima cosa che dovresti fare è identificare il problema (ammesso che ci sia) e, in seconda battuta, capirne le cause scatenanti. Un eccessiva mole di lavoro rischia di sopraffarti e, in tal caso, la pigrizia e la voglia di oziare potrebbero essere una risposta fisiologica ad un carico di stress troppo elevato.

In realtà definirti come “pigro” non ti aiuta a centrare il nocciolo del problema; al contrario, rischia di diventare quasi un alibi che non ti spiega in che modo correggere certi problemi. Più che pigrizia, il tuo problema potrebbe essere:

  • Mancanza di autodisciplina: non sai rispettare un programma o portare a termine un progetto. Ti distrai spesso e non riesci a prendere un impegno serio con te stesso;
  • Aspettative poco realistiche: per capire se sei davvero poco produttivo, dovrai fissarti degli obiettivi e misurare le tue performance. Se il senso di inattività prosegue, è probabile che i tuoi obiettivi siano poco realistici e che tu sia troppo severo con te stesso;
  • Assenza di motivazione: ti sei chiesto perché ti prendi un determinato impegno? Qual è il motore che si cela dietro alle tue azioni? Se ti senti poco stimolato, potrebbe essere per una mancanza di motivazione.

Come vedi, la pigrizia spesso è solo un alibi che nasconde una questione più grande da gestire. Per contrastare questi meccanismi:

  • Fissati sempre degli obiettivi realistici e misurabili;
  • Imponiti una disciplina e fissa dei goals giornalieri da raggiungere assolutamente;
  • Datti delle ricompense quando raggiungi i tuoi obiettivi e concediti qualche sfizio per premiare la tua disciplina.

LEGGI ANCHECosa sono le life skills e quali dovresti avere per ottenere risultati

2 – Scomponi le tue attività

Quando si parla di come vincere la pigrizia, un consiglio prezioso è quello di scomporre ogni attività da svolgere in piccoli obiettivi.

Spesso evitiamo di svolgere alcuni compiti perché li troviamo troppo grandi, troppo opprimenti, troppo stancanti o troppo bisognosi di tempo. Scomporre un compito in diversi compiti più piccoli può risolvere questo problema.

In questo modo, non avrai più scuse per portare a termine la tua attività, perché non la percepirai più come difficile o intimidatoria. Questo sistema ti aiuterà a vincere molte resistenze e migliorerà la tua produttività, nel lavoro ma anche nello studio. Facendo un esempio concreto, invece di importi lo studio di un intero manuale, scomponi questo materiale in brevi capitoli da studiare ogni giorno: sarà più facile per te affrontare questo compito e portarlo a termine brillantemente.

3 – Analizza le tue abitudini

Ci sono delle abitudini assai dannose per la nostra produttività, anche se in apparenza possono sembrare innocue. Se la prima cosa che fai quando torni a casa è buttare le chiavi sul tavolino, sdraiarti sul divano e accendere il televisore, ti stai preparando per una serata poco produttiva.

in che modo può disincentivarti tutto questo? Poniamo il caso che il tuo obiettivo sia quello di perdere qualche chilo. Vorresti riuscire a fare esercizio fisico, ma ti sei risposto che sei troppo pigro per dedicarti a questa attività. in realtà quello che ti serve è un cambio di abitudini: invece di tuffarti sul divano, quando arrivi a casa, mettiti in tuta e fatti una passeggiata o una corsa. Secondo gli studiosi, per creare un nuovo ciclo di abitudini ci vogliono circa 20 giorni: i primi tempi saranno duri, ma poi ti risulterà davvero naturale e raggiungere i tuoi obiettivi sarà sempre più semplice.

4 – Evita le vie di fuga

Quando hai davanti a te una giornata di studio o di lavoro e la pigrizia ti assale, probabilmente ricorri ad una via di fuga che ti distolga dall’impegno.

Proprio per questo, è importante rimuovere tutte quelle cose che di solito usi per procrastinare. La domanda che devi rivolgerti è: dove scappo di solito invece di fare il mio lavoro?

Le risposte potrebbero essere diverse: potresti dedicarti alle chiacchiere con gli amici, ai social media, ai videogiochi. Elimina queste vie di fuga e imponiti una disciplina: togliere da davanti a te gli elementi di distrazione ti aiuterà a rimanere concentrato.

5 – Impara dalle persone di successo

Per capire come vincere la pigrizia, non c’è modo migliore di studiare il comportamento e le abitudini delle persone di successo. Impara da loro: parla con persone che reputi di successo e chiedigli quali sono i loro segreti. Il superamento dell’abitudine alla pigrizia si ottiene attraverso una serie di azioni e attività quotidiane, quando si sceglie di agire, invece di rimanere passivi.

Ogni volta che superi la tua pigrizia diventi più forte e ti avvicini agli obiettivi da raggiungere. Lasciati “contaminare” da un ambiente positivo e da persone di successo. Leggi biografie di persone che hanno lasciato il segno e libri sulla produttività e sulla gestione del tempo. Vedrai che, applicando i nostri consigli, i risultati non tarderanno ad arrivare.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali