informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Smettere di procrastinare: tecniche e consigli per imparare ad agire subito

Commenti disabilitati su Smettere di procrastinare: tecniche e consigli per imparare ad agire subito Studiare a Bologna

Devo smettere di procrastinare“: quante volte ti sei ripetuto questo mantra nella tua testa? Magari mentre cercavi di studiare un nuovo capitolo per l’esame di diritto privato o, magari, quando continuavi a rimandare quella prova che percepisci come troppo impegnativa.

Conosciamo tutti il ​​fenomeno della procrastinazione. Quando procrastiniamo, rimandiamo compiti importanti che dovremmo fare, fino a giungere al momento in cui è decisamente troppo tardi. Quando è davvero troppo tardi, ci lasciamo prendere dal panico e ci malediciamo per non avere iniziato prima. I procrastinatori seriali sono “schiavi” di questo ciclo e finiscono per rimandare qualunque cosa per ridursi all’ultimo minuto, soffrendo carichi enormi di stress.

In questa guida dell’Università Niccolò Cusano ti spiegheremo perché tendi a rimandare ciò che proprio non ti piace e come uscire da questo circolo vizioso, attraverso una serie di tecniche ed esercizi da mettere in pratica subito.

Tutti i rimedi alla procrastinazione: ecco come smettere di rimandare

Ci siamo: hai un progetto importante da portare a termine per l’Università o per il lavoro. Il tempo stringe e hai paura di non completarlo in tempo. Hai rimandato settimane (o anche mesi) prima di mettere mano su questo progetto e ora i tuoi livelli di ansia sono al vertice perché devi trovare una soluzione immediata.  Purtroppo, questa è un’esperienza comune per molti di noi.

Ecco tutti i consigli per smettere di procrastinare e abbattere finalmente quella sensazione di stress e di ansia che ti affligge quando ti senti perennemente con i minuti contati.

LEGGI ANCHE – Come capire cosa fare nella vita: ecco 6 consigli da seguire

Perché tendiamo a procrastinare troppo?

Tutti noi procrastiniamo almeno una volta nella vita. L’attività della procrastinazione “patologica” a volte può riguardare questioni banali, ma spesso riguarda questioni ben più importanti che richiedono tanto tempo e impegno.

Cose come la scrittura di un progetto per l’università o l’aggiornamento del curriculum per cercare un nuovo lavoro sono solo due esempi delle attività che si procrastinano più spesso.

Le giustificazioni che tendiamo a darci sono tra le più disparate: “ora non è il momento giusto”, “non ho tempo”, “sono stanco”. Nella stragrande maggioranza dei casi, si tratta solamente di scuse, di meccanismi di difesa messi in atto dal nostro cervello per evitare di farci uscire da una zona di comfort ed esporci ad un carico di stress emotivo più difficile da digerire.

Siamo programmati per cercare la soluzione più semplice: per questo ci serviamo della procrastinazione, perché ci tutela da una situazione che, in un certo senso, percepiamo come pericolosa.

Smettere di procrastinare ci permetterebbe di andare oltre questo schema, liberarci dalle nostre ancore e dirigerci verso obiettivi molto ambiziosi, se contestualizziamo la cosa in un progetto a più ampio respiro.

LEGGI ANCHE – Sindrome dell’impostore: che cos’è e come superarla

Consigli per evitare la procrastinazione

Parlando di procrastinazione e rimedi, abbiamo preparato per te qualche consiglio da seguire per uscire da questa fase e metterti all’opera subito.

Ecco quello che dovresti fare per smettere di essere un procrastinatore seriale e riprendere in mano la tua vita.

Inizia a programmare piccoli step

Una delle cause della procrastinazione risiede nel fatto che vediamo certi obiettivi come troppo “grandi” da raggiungere. Una soluzione potrebbe essere quella di scomporre questo lavoro in piccoli step, da portare avanti passo dopo passo.

Scomponendo il lavoro, percepirai ogni step come più leggero e alla tua portata, evitando di rimandarlo. Ad esempio, se devi studiare un manuale di diritto privato in due settimane, potresti scomporre il lavoro in questi step giornalieri:

  • Dal giorno 1 al giorno 3 – Lettura generale di ogni capitolo
  • Giorno 4 – Creazione di mappe concettuali per i 5 capitoli del libro
  • Giorno 5 – Studiare il capitolo 1
  • Giorno 6 – Studiare il capitolo 2
  • Giorno 7 – Studiare il capitolo 3
  • Giorno 8 – Studiare il capitolo 4
  • Giorno 9 – Studiare il capitolo 5
  • Dal giorno 10 al giorno 14 – Focus giornaliero su ogni capitolo per il ripasso + ripetizione ad alta voce

Tieni sempre traccia dei tempi

Per capire come smettere di procrastinare, è necessario iniziare ad impostare tempi specifici per lo svolgimento dei tuoi compiti. La programmazione è di vitale importanza per la gestione del tempo e per misurare ogni progresso di apprendimento.

Avere solo una scadenza per il tuo lavoro è come un invito a procrastinare. Questo perché abbiamo l’impressione che abbiamo ancora tanto tempo davanti a noi e continuiamo a rimandare, finché non è troppo tardi.

Il nostro consiglio? Crea una cronologia generale con scadenze specifiche per ogni piccola attività, come abbiamo fatto nel paragrafo precedente indicando i giorni. Ogni giorno può essere suddiviso in ore, scomponendo ancora di più il tuo macro obiettivo giornaliero.

Ad esempio, potresti organizzare la giornata seguendo un programma di questo tipo:

  • Dalle 9:30 alle 11:00 – Studia dal paragrafo 1 al paragrafo 4
  • Dalle 11:00 alle 11:15 – Pausa
  • Dalle 11:15 alle 12:45 – Studia dal paragrafo 5 al paragrafo 9
  • Dalle 12:45 alle 14:00 – Pausa pranzo
  • Dalle 14:00 alle 16:00 – Studia dal paragrafo 10 al paragrafo 15
  • Dalle 16:00 alle 16:15 – Pausa
  • Dalle 16:15 alle 18:00 – Ripassa tutto il capitolo e ripeti ad alta voce

Non cercare la perfezione

Spesso rimandiamo qualcosa perché pensiamo di non riuscire a svolgere un compito alla perfezione. Crogiolarti nell’immobilismo però non ti aiuterà a smettere di procrastinare.

Mettiti all’opera e svolgi il tuo compito, anche se non ti sembra perfetto: c’è sempre tempo per revisionarlo.

Cura il tuo ambiente

L’ambiente in cui studi o lavori ha un peso specifico importante sulla tua produttività e sul tuo umore. In generale, un ambiente disordinato rispecchia una mente disordinata.

Ora è il momento di fare ordine: pulisci la tua scrivania, così come il desktop del tuo computer. Se l’ambiente in cui ti trovi non ti ispira, esci a fare una passeggiata e cerca un luogo più stimolante. Biblioteche, bar e coworking possono essere valide alternative per iniziare a lavorare su un progetto.

Frequenta persone positive

Le persone con cui trascorriamo del tempo influenzano i nostri comportamenti e il nostro modo di pensare.

Circondati di amici o colleghi che ti innescano emozioni positive e frequentali più spesso. Non immagini neanche quanto può essere forte il potere della contaminazione: lasciati “contaminare” dai pensieri positivi e vedrai che, in poco tempo, il tuo approccio (e i tuoi risultati) cambieranno.

Rivedi i tuoi obiettivi

Se ci sono dei progetti o degli obiettivi che stai rimandando da troppo tempo, potrebbe esserci un effettivo disallineamento tra ciò che si desidera e ciò che si sta facendo attualmente.

Spesso può accadere che gli obiettivi che ci fissiamo sono troppo ambiziosi o non tengono conto di alcune variabili contestuali che, per forza di cose, devono essere incluse nella tua programmazione.

Per riflettere sui tuoi obiettivi, allontanati dal tuo lavoro per un po’ di tempo (basta un weekend) e riorganizza il tutto. Prendi carta e penna e rispondi a queste domande:

  • Quali sono gli obiettivi che voglio raggiungere a breve termine? Quali invece, a lungo termine?
  • Cosa dovrei fare per raggiungere i miei obiettivi?
  • Quanto tempo dovrei allocare ad ogni obiettivo?
  • I miei obiettivi sono misurabili?
  • Quali sono i passi da fare?

Concediti dei premi

Un sistema per smettere di procrastinare consiste nel farti un regalo per ogni piccolo traguardo che raggiungi. Gratifica te stesso e regalati un pomeriggio con gli amici, una serata al cinema o un oggetto tecnologico che desideri da molto tempo.

Darti un incentivo ti porterà a evitare di rimandare compiti troppo spesso e a dirti “grazie” per ogni passo in avanti nel tuo percorso.

Su come smettere di procrastinare abbiamo detto tutto, per oggi: non ti resta che mettere in pratica tutti i nostri consigli e lanciarti nel raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali