informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Sindrome dell’impostore: che cos’è e come superarla

Commenti disabilitati su Sindrome dell’impostore: che cos’è e come superarla Studiare a Bologna

Curioso di scoprire che cos’è la sindrome dell’impostore? 

Sei nel posto giusto: in questa guida parleremo proprio di questa particolare distorsione cognitiva, diffusa paradossalmente nelle persone di successo.

“Sindrome dell’impostore” è un termine coniato nel 1978 dalle psicologhe Pauline Clance e Suzanne Imes per indicare l’incapacità di interiorizzare i propri successi e il terrore persistente di essere esposti in quanto “impostori”.

Nonostante le evidenze delle proprie competenze, chi è affetto da questa sindrome è convinto di non meritare il successo ottenuto. Vediamo ora quali sono le caratteristiche di questa condizione, le cause e gli aspetti da tenere in considerazione.

Paura di non essere all’altezza: ecco la sindrome dell’impostore

Ti capita spesso di raggiungere grandi traguardi e di continuare a sminuire il tuo successo? Se questo atteggiamento si ripete costantemente, potresti essere incappato nella “impostor syndrome“, nota in italiano come sindrome dell’impostore. Ecco la guida dell’Università Niccolò Cusano su questa particolare distorsione cognitiva.

LEGGI ANCHE – Comunicazione verbale e non verbale: come sfruttarla al meglio

Definizione

Come abbiamo accennato, con il termine “sindrome dell’impostore” indichiamo una condizione psicologica caratterizzata dall’incapacità di interiorizzare i propri successi e dal costante timore di affrontare situazioni che possono svelarti al prossimo per quello che credi di essere, ossia una persona senza particolari abilità, dunque un impostore.

A soffrire di questa sindrome sono le persone di successo, soprattutto le donne. Chi ne soffre percepisce un costante senso di inadeguatezza, legata in un certo senso ad una mancanza di fiducia in se stessi.

Tra le frasi e i pensieri più diffusi tra chi pensa di essere un impostore figurano:

  • “Non credo di meritarmi questo“: per chi soffre della sindrome dell’impostore, il merito del suo successo non è mai il suo, ma è da attribuire a fattori come ad esempio la fortuna o l’aiuto di qualcun altro;
  • “Se ci sono riuscito io, allora può riuscirci chiunque“: questa frase indica una svalutazione delle proprie capacità, perché assume che, a parità di condizioni, chiunque potrebbe riuscire ad ottenere quel successo;
  • “Mi stai sopravvalutando”: per “l’impostore” qualunque complimento equivale ad una sopravvalutazione. Questa condizione è del tutto speculare ad un’altra distorsione cognitiva nota come effetto Dunning-Kruger, che indica la costante sopravvalutazione da parte di individui inesperti, che rifiutano di accettare la propria incompetenza.

Secondo una ricerca degli psicologi Pauline Rose Clance, PhD. E Suzanne Imes, PhD., esistono diversi “tipi di competenza” – o regole interne che le persone che combattono con fiducia generalmente seguono. Questa lettura può essere davvero utile per identificare cattive abitudini o schemi che potrebbero inibire il tuo pieno potenziale.

Vediamo quali sono gli atteggiamenti che potrebbero richiamare la sindrome dell’impostore e le caratteristiche ad essi collegate.

1 – Superdonna (o superuomo)

L’atteggiamento da superdonna (o da superuomo) potrebbe predisporre alla sindrome dell’impostore. Dal momento che le persone che vivono questo fenomeno sono convinte di essere degli impostori rispetto ai colleghi, spesso si spingono a lavorare sempre più duramente per mettersi alla prova e misurarsi.

Per capire se assumi questo atteggiamento, rispondi a queste domande:

  • Ti fermi sempre in ufficio fino a tardi, anche se hai già completato il lavoro necessario quel giorno?
  • Trovi i tempi di inattività completamente inutili?
  • Hai sacrificato le tue passioni per il lavoro?
  • Ti senti come se non avessi veramente guadagnato la tua posizione e, per questo, senti di dover costantemente dimostrare qualcosa agli altri?

Se hai dato una risposta positiva a questi quesiti, fai attenzione a non sottovalutarti e cerca di ragionare in maniera oggettiva. Lavora sulla fiducia e sulla consapevolezza di ciò che sei e delle tue abilità. Non svalutarti e trova un giusto equilibrio tra vita professionale e vita personale.

2 – Perfezionista

La ricerca della perfezione va a braccetto con la sindrome dell’impostore.

Generalmente i perfezionisti fissano obiettivi eccessivamente alti per se stessi, e quando non riescono a raggiungerli si mettono costantemente in discussione, preoccupandosi delle proprie abilità.

Per capire se fai parte anche tu di questo gruppo, rispondi a queste domande:

  • Ti ossessiona la perfezione anche nelle piccole cose?
  • Hai grosse difficoltà a delegare?
  • Anche quando sei in grado di fare qualcosa, ti senti frustrato e deluso nei risultati?
  • Ti senti come se il tuo lavoro dovesse essere perfetto al 100%, il 100% delle volte?

Per questo tipo di persone, il successo raramente è soddisfacente perché ritengono che avrebbero potuto fare ancora meglio. Ma questo atteggiamento non è né produttivo né salutare.

Se pensi di appartenere  a questo gruppo, cerca di imparare a prendere i tuoi errori come una parte naturale del processo. Inoltre, spingiti ad agire prima che tu sia pronto. Sforzati di iniziare il progetto che hai pianificato per mesi. La verità è che non ci sarà mai il “tempo perfetto” e il tuo lavoro non sarà mai impeccabile al 100%. Prima riuscirai ad accettarlo, meglio sarà per la tua salute mentale e il tuo equilibrio.

L’esperto

Le persone che rientrano nel gruppo degli “esperti” sono convinte del fatto che non meritino l’assunzione da parte del loro datore di lavoro. Temono profondamente di essere esposti come inesperti o ignoranti.

Se pensi di appartenere a questo gruppo, rispondi a queste domande:

  • Non ti candidi per le offerte di lavoro a meno che non soddisfi ogni singolo requisito?
  • Cerchi costantemente corsi di formazione o certificazioni perché pensi di aver bisogno di migliorare le tue capacità per avere successo?
  • Anche se ricopri un determinato ruolo da anni, ti senti come se ancora non ne sapessi “abbastanza?”
  • Rabbrividisci quando qualcuno dice che sei un esperto?

In questo caso, la sindrome dell’impostore potrebbe manifestarsi per un eccesso di umiltà. Chiaramente, sforzarsi di aumentare il tuo bagaglio di abilità può certamente aiutarti a fare passi da gigante in modo professionale e mantenerti competitivo sul mercato del lavoro.

Cerca di capire che chiedere aiuto quando ne hai bisogno non è una vergogna. Se non sai come fare qualcosa, chiedi a un collega. Se non riesci a capire come risolvere un problema, chiedi consiglio a un supervisore.

Assistere i colleghi junior o fare volontariato può essere un ottimo modo per scoprire il tuo esperto interiore. Quando condividi ciò che sai, non solo aiuta gli altri, ma aiuta anche a guarire i tuoi sentimenti fraudolenti.

Studiare le distorsioni cognitive: corsi di laurea Unicusano

La sindrome dell’impostore non è attualmente riconosciuta tra i disturbi mentali descritti nel DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali). Ciò nonostante, è stata resa oggetto di studio da parte di diversi psicologi.

Se vorresti studiare le distorsioni cognitive e se pensi che studi di natura psicologica possano fare al caso tuo, i corsi di laurea dell’area psicologica dell’Università Niccolò Cusano sono la soluzione ideale per te.

I nostri corsi di laurea dell’area psicologica sono:

  • Corso di Laurea in Psicologia, Scienze e Tecniche Psicologiche (triennale – classe L-24)
  • Corso di Laurea Magistrale Psicologia Clinica e della Riabilitazione (biennale- classe LM-51)
  • Corso di Laurea Magistrale in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni (biennale- classe LM-51)

Gli sbocchi occupazionali dei nostri corsi sono molteplici, dal consulente allo psicologo. La didattica è erogata online, grazie ad una piattaforma di e-learning attiva 24 ore su 24.

Per iscriverti ai nostri corsi, compila il form o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali