informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

La psicologia del lavoro e le risorse umane: persone, relazioni, valore

Qualsiasi azienda in buona salute, raggiunge gli obbiettivi grazie al suo team. Ecco perché la psicologia del lavoro e le risorse umane sono una parte fondamentale della struttura aziendale.

Difficile, infatti, che una società in cui i dipendenti vivono costantemente situazioni di disagio riesca nei suoi obiettivi. Il posto di lavoro per la maggior parte delle persone diventa quasi una seconda casa. Una sorta di micro mondo.

Ed è più che naturale dato che lì vengono spese moltissime ore della giornata. Vengono impostate relazioni interpersonali con colleghi e superiori. Soprattutto, il lavoro è anche il luogo dove si raggiungono traguardi personali, di crescita di soddisfazione di conoscenza. Oppure delusioni, nel momento del fallimento o dell’errore.

Ovviamente questo crea un ambiente complesso e strettamente interconnesso alle singole personalità di chi compone il team aziendale.

Ecco perché è importante la figura delle risorse umane per il successo aziendale.

L’esperto di risorse umane, infatti, è in grado di supportare il lavoratore sotto vari aspetti:

  • relazioni interpersonali tra colleghi e con i superiori;
  • organizzazione lavoro o gruppi di lavoro dal punto di vista personale e psicologico;
  • inserimento di nuove figure nel team;
  • aspetto motivazionale del lavoro;
  • costruzione di percorsi professionali individuali coerenti con il soggetto.

E’ grazie al lavoro congiunto delle risorse umane e del management aziendale che è possibile strutturare il team aziendale in maniera efficiente.
Il vertice aziendale, infatti, definisce gli obiettivi economici.

Le risorse umane, invece, hanno il focus sulle persone. Possono dare indicazioni in merito a come organizzare e ripartire le funzioni lavorative tra i dipendenti per il raggiungimenti di quegli obiettivi.

Un lavoratore sereno, motivato e formato è una risorsa indispensabile per l’azienda.

Varie sono le tecniche e le modalità con cui le risorse umane possono influenzare positivamente l’ambiente lavorativo.

Iniziando dal counseling individuale, passando a piani formativi individuali e specifici, finendo a eventi di team building.

Inoltre, il team risorse umane è validissimo strumento comunicativo tra i lavoratori ed il management aziendale. Fa in modo, infatti, che esigenze e domande possano essere veicolate dai lavoratori al vertice aziendale assicurandosi che venga fornita una risposta.

Ecco perché la psicologia del lavoro e le risorse umane sono importanti. Hanno il focus sulle persone, sviluppano le relazioni, aumentano il valore aziendale.
Unicusano mette a disposizione dei corsi di laurea specifici per diventare responsabili di risorse umane. Chiedi maggiori informazioni compilando il form accanto.  

Commenti disabilitati su La psicologia del lavoro e le risorse umane: persone, relazioni, valore Studiare a Bologna

Read more

Cosa fare in città e provincia: la mostra su Frida Kahlo

Arriva l’inverno, il freddo e la voglia di stare al chiuso? Si. Eppure esistono tante cose da poter fare anche durante il periodo invernale. Ad esempio andare a vedere la bellissima mostra su Frida Kahlo.

Per spezzare la routine quotidiana di lavoro e studio prendendo un momento di pausa non c’è niente di meglio. Si perchè l’impegno è giusto e doveroso. Però il riposo e lo svago sono una componente a cui non possiamo e non dobbiamo rinunciare durante la nostra settimana.

Ecco allora il nostro suggerimento. Siete già degli appassionati? Ne avete solo sentito parlare e non la conoscete ancora bene? In entrambi i casi non dovete perdere questa mostra.

Messicana di origine, Frida Kahlo è stata una grandissima ed amatissima pittrice.

Nota anche per essere stata la moglie dell’artista Diego Rivera, la vita di Frida Kahlo è stata tutt’altro che tranquilla.

Era una donna dalla fortissima personalità con una determinazione di ferro. Passionale e travolgente, ha avuto la sfortuna di rimanere vittima di un gravissimo incidente all’età di 18 anni.

L’autobus su cui viaggiava, e che doveva riportarla a casa, si scontrò con un tram. Lei rimase schiacciata riportando importanti fratture in tutto il corpo e soprattutto sulla spina dorsale.

Fu questo incidente a cambiarle la vita. Fu sottoposta a più di 30 interventi chirurgici.

Costretta a letto per anni Frida imparò a guardare il mondo e ad esprimersi attraverso la sua arte.

Particolare, violenta, esplicita ed allo stesso tempo piena di amore e di sensibilità la sua pittura è considerata uno dei capolavori del ‘900. Riconosciuta come un vero talento già in vita, uno degli artisti che maggiormente la apprezzarono fu Diego Rivera.

Il pittore la sposò ( 2 volte ) ma la loro relazione fu tutto tranne che tranquilla. Incline al fascino delle donne Rivera oltrepassò il limite più d’una volta come quando la tradì con Cristina Kahlo, la sorella di Frida.

La loro fu una storia passionale e tragica ed influenzò moltissimo i lavori della pittrice.

La mostra riassume la vita e le passioni di questa incredibile donna. Dal suo legame con il marito alla loro influenza nel panorama artistico di un Messico in evoluzione, durante le guerre.

Una storia piena di vita, di dolore e di amore che non  potrà lasciarvi indifferenti sia dal punto di vista umano che artistico.

Un viaggio nel mondo di Frida Kahlo. Un ottimo modo per passare del tempo libero!

Commenti disabilitati su Cosa fare in città e provincia: la mostra su Frida Kahlo Studiare a Bologna

Read more

Metodo di studio per chi lavora: 5 consigli su come organizzarsi

Per poter completare l’università è fondamentale trovare un buon metodo di studio per chi lavora.

Si perché da studente è oggettivamente più semplice: il tuo lavoro è lo studio.

Invece per chi già lavora è diverso. Decidere di affrontare un percorso di studi universitario è una bellissima cosa. E’ la decisione di investire su se stessi! E’ anche una scelta difficile però. Perché significa molti sacrifici e molto impegno.

Non perché non si abbiano le capacità per arrivare in fondo, semplicemente perchè la giornata ha solo 24 ore, la maggior parte delle quali è dedicata al lavoro. Poi ci sono familiari, amici  e impegni quotidiani. Per cui trovare tempo e modo di studiare non è facile.

Ecco, quindi, qualche consiglio per trovare un buon metodo di studio per chi lavora:

  • Scegli l’università giusta:

    In questa fase, è necessario scegliere l’università giusta. Intesa sia come facoltà che come ateneo.
    Ovviamente, la facoltà è importante, se già si lavora non si ha tempo per “provare” e vedere se una facoltà ci piace oppure no.
    Anche l’ateneo è importante però. Lavorando non si ha la disponibilità di tempo di uno studente. Non è quindi possibile scegliere una università che richiede la frequenza in aula. L’università telematica Unicusano invece è perfetta. Grazie alla piattaforma di e-learning è possibile seguire tutte le lezioni quando e dove si vuole. Senza obbligo di presenza in aula. Inoltre, il materiale necessario allo studio è scaricabile dal sito. Un grande risparmio di tempo e denaro.

  • Fai un piano di studi adatto a te:

Sii realista e confrontati con le tue possibilità di tempo e concentrazione. Non è detto che si possano tenere gli stessi ritmi di uno studente. Anche su questo Unicusano può darti una mano. Grazie al Tutor messo a disposizione dall’università potrai chiedere aiuto per il tuo piano di studi e le tue necessità.
Domande, spiegazioni e richiesta di colloqui con i professori sono a portata di mano grazie al servizio di tutoring.

  • Organizza il tuo tempo:

Pianifica  la tua settimana, utilizza i tempi morti e la sera per studiare. Una buona organizzazione è tutto per non trovarsi in difficoltà con lo studio.
Con Unicusano può farlo in maniera semplice avendo a portata di click tutto quello che ti serve per studiare in ogni momento. E’ possibile, infatti, seguire anche tutte le lezioni dei corsi che ti interessano in modalità e-learning.

  • Non demoralizzarti:

Arriva sempre un momento in cui fatica e impegni mettono in crisi uno studente. Per chi lavora può accadere più facilmente. Niente paura però. Un piccolo intoppo o ritardo non pregiudica il percorso iniziato. L’importante è non demoralizzarti. Il Tutor può aiutarti anche in questo.

  • Chiedi aiuto alla famiglia:

Coinvolgi i tuoi familiari in questa avventura. La condivisione di responsabilità ed impegni è fondamentale. Sapere che i tuoi familiari possono prendersi carico di alcune cose può aiutarti a dedicare con più serenità il tempo ritagliato per lo studio. Anche solo l’organizzazione della casa.

Se sei interessato chiedi informazioni compilando il form qui accanto. Inizia la tua avventura!

Commenti disabilitati su Metodo di studio per chi lavora: 5 consigli su come organizzarsi Studiare a Bologna

Read more

Cosa fare in città: Cioccoshow 2016, la fiera del cioccolato

Sei alle prese con esami, tesi e tesine? Sei stanco e hai bisogno di ricaricare le energie?

Ecco la soluzione per te. Prenditi una piccola pausa, fai una passeggiata nel centro di Bologna.Scoprirai un dolcissimo evento: il Cioccoshow 2016.

Se non hai avuto modo di conoscerlo potrai rimediare ora. La più famosa fiera del cioccolato torna per la dodicesima edizione nelle vie del centro di Bologna.

Dal 16 al 20 novembre, infatti, saranno allestiti stand espositivi in Piazza Maggiore. Potrai unire l’utile (una sana pausa dallo studio) al dilettevole (un’ottima degustazione di cioccolato).

E non importa che tu sia più da cioccolato al latte o più da fondente. Troverai sicuramente quello che fa per te.

Ci saranno tantissimi espositori. Ognuno presenterà la propria specialità. Il che significa che si passa dalle ben note tavolette di cioccolata, al cioccolato caldo da bere, quello speziato o accostato a frutta secca.

Sei appassionato pralineria, liquori o dragees? Avrai molto da scoprire ed assaggiare.

Inoltre sarà possibile seguire corsi, degustazioni, show e laboratori.  

Per l’occasione, sono previste anche una serie di eventi, organizzati con il Comune di Bologna ed associazioni culturali. Sarà possibile una visita guidata della basilica di San Domenico, ad esempio, o partecipare a spettacoli come “Bologna sopra tutto” o “Lucio e Ombre – dalla musica alla città”. Cultura, musica, teatro e visite guidate faranno da cornice a questo evento.

Insomma sarà una settimana piena, viva e dolcissima. Non puoi mancare.

Anche perchè il cioccolato, in particolare quello fondente, oltre ad essere delizioso, ha tantissimi effetti benefici. Non lo sapevi? Eccone alcuni:

  • ha proprietà vasodilatatrici quindi migliora l’afflusso di sangue al cervello e favorisce la concentrazione;
  • contiene flavonoidi sostanza che protegge dai raggi ultravioletti aiutando a mantenere la pelle giovane;
  • è ricco di fibre;
  • abbassa la pressione sanguigna e aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo “cattivo”;
  • e, ovviamente, migliora l’umore, non a caso viene anche chiamato”antidepressivo naturale”.

L’occasione giusta per un piccolo e dolcissimo break dallo studio che ti permetterà di tornare ricaricato e più contento! E non dimenticare: prima o poi dovrai fare un’altra pausa, puoi portare una piccola scorta con te a casa, non si sa mai!

Commenti disabilitati su Cosa fare in città: Cioccoshow 2016, la fiera del cioccolato Studiare a Bologna

Read more

Vita Universitaria: affittare casa a Bologna, niente più stress con Unicusano

Finite le scuole superiori inizia una nuova sfida: l’università.
Per la maggior parte dei ragazzi, però, questo non significa soltanto iniziare un nuovo percorso formativo, ma iniziare anche una nuova vita.

Non tutti, infatti, vivono in una città che ospita una università, o, a volte, anche se l’università c’è, non è quella che si è a lungo sognato di frequentare.
Quindi, la soluzione per tanti di loro, è cambiare radicalmente vita e partire per una nuova avventura.

La prima esigenza pratica con cui ci si deve confrontare è affittare una casa.

Che fare? prendere una casa, una stanza o un posto letto?

Ovviamente una discriminante sarà il costo. Un posto letto costerà molto meno rispetto all’affitto di una casa intera, anche se la casa è molto piccola.

Di contro, però, affittare un posto letto  potrebbe essere una soluzione che ci può garantire poca privacy e poca tranquillità per lo studio.

Probabilmente, quindi, come secondo step decisionale dopo il prezzo, ci sarà la possibilità di avere spazi propri.

Poter passare del tempo indisturbati è un fattore importante. Ecco quindi che l’affitto di una stanza singola all’interno di un appartamento con altri studenti può risultare una buona soluzione.

Dopo aver capito per cosa optare,  bisogna capire in quale zona si desidererebbe trovare l’alloggio. Un giro esplorativo è sempre un’ottima soluzione, potrete così iniziare a conoscere i quartieri di Bologna e  i mezzi pubblici. Preferite un quartiere più tranquillo o uno con più vita notturna?

Ma state attenti anche il periodo dell’anno in cui la cercate è fondamentale. Sicuramente provare a trovare un alloggio in affitto tra settembre e dicembre, inizio dei corsi, è molto più difficile rispetto ad esempio luglio ed agosto.

E se anche trovate la casa ideale, quella che proprio vi ha rubato il cuore e rispecchia tutte le caratteristiche che cercavate, dovrete essere velocissimi e pronti a bloccarla.Si perché a quanto pare gli alloggi per studenti iniziano a scarseggiare.  Sempre più spesso capita di aver deciso per un alloggio e sentirsi dire che “purtroppo l’abbiamo appena dato via”.

Tutto questo è troppo stressante? Allora prova una soluzione diversa: Unicusano. L’università telematica che ti permetterà di studiare ovunque tu sia. Ricerca di immobili e traslochi non saranno più un incubo. E soprattutto niente più costi per affitto e sopravvivenza!

Da oggi Bologna la potrai vivere e godere come un turista, senza più stress, prendendo solo il meglio, come la tua laurea. Vuoi scoprire di più? Compila il form qui accanto.

Commenti disabilitati su Vita Universitaria: affittare casa a Bologna, niente più stress con Unicusano Studiare a Bologna

Read more

Diventa specialista di gestione e controllo delle imprese a Bologna

Ogni anno, agenzie specializzate come Unioncamere, effettuano indagini sull’andamento del mercato del lavoro e sulle professioni più richieste del momento. Tra queste, nel campo economico spiccano gli Specialisti nella gestione e nel controllo delle imprese.

Questo tipo specializzazione è sempre più richiesta sia dalle aziende del settore privato sia da quello pubblico.

Per poter diventare il Responsabile del controllo di gestione in un’impresa però c’è bisogno di percorso formativo adeguato e di una buona propensione per l’organizzazione e l’analisi. Vediamo nel dettaglio come fare.

 

Cosa significa controllo di gestione e perché è importante

Iniziamo col capire cosa è il controllo di gestione e perché è importante nelle aziende.

In una azienda il sistema di controllo di gestione è una metodologia operativa che “guida”, ovvero indirizza, tutta la gestione aziendale verso il conseguimento degli obiettivi stabiliti nel momento della pianificazione di inizio anno.

Sintetizzando, quindi, è lo strumento più valido che il management aziendale può avere a supporto del suo operato. E’ quello che costantemente e analiticamente monitora tutta l’azienda e da sempre una fotografia della “buona salute” o efficienza dei vari comparti.

Questo modalità di gestione aziendale è stata introdotta inizialmente nel settore privato, successivamente ha preso sempre più piede anche nelle strutture pubbliche, secondo la filosofia del “new public management”.

E’ facile capire che grazie a questa metodologia di controllo migliora l’efficienza, la produttività e vengono ridotti al minimo gli sprechi, di tempo, di lavoro e di conseguenza di denaro nelle imprese.

Non va però confuso con il controllo inteso come punizione. Infatti, lo scopo di questo sistema di gestione è quello di:

  • aiutare il personale aziendale a indirizzare il proprio lavoro verso il conseguimento degli obiettivi aziendali in maniera efficace, e per questo è strettamente correlato al lavoro dello staff HR;
  • aiutare il lavoro di pianificazione e budgeting del vertice aziendale ( sia esso pubblico o privato).

 

Chi può ricoprire il ruolo di specialista in controllo e gestione e cosa fa

Compreso il funzionamento e lo scopo di questo processo vediamo chi può ricoprire questo ruolo.

La figura preposta a questo compito è il Controller, ovvero un professionista esperto in controllo di gestione di realtà economiche organizzate.

Esistono enti come l’Uni preposti a definire i requisiti relativi all’attività professionale del Controller. Detti requisiti sono stilati, a partire dai compiti e attività specifiche identificati, in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualification Framework – EQF) .

Ma cosa fa esattamente un Controller? Le attività principali demandare a questa figura sono:

  • Predispone l’architettura informativa aziendale;
  • Esegue l’Auditing Interno;
  • Coordina e supporta le attività di controllo di gestione;
  • Comunica e supporta la formazione specifica dei capo area;
  • Misura le prestazioni di sistema;
  • Supporta l’attività di pianificazione strategica;
  • Supporta la leadership dei Manager.

Operativamente queste attività vengono svolte in tre step:

  1. Momento del budgeting: vengono stabiliti gli obiettivi aziendali di concerto con il management e viene pianificata l’assegnazione di tali obiettivi alle risorse aziendali e ai responsabili di settori. In questo step viene anche pianificata l’attività di misurazione e reporting dei singoli obiettivi;
  2. Controllo concomitante: è l’attività svolta durante tutto il periodo della gestione annuale e viene svolto tramite misurazioni periodiche e comunicazione di informazioni ai vertici;
  3. Report finale: consiste nella produzione di documenti informativi sulla base delle misurazioni e delle analisi effettuate in tutto l’anno, secondo la pianificazione effettuata in fase di budgeting. Tale report evidenzia tutti gli eventuali scostamenti tra obiettivi pianificati e risultati realmente raggiunti, individuando quali sono stati i settori deboli o critici aziendali e studiando le opportune correzioni per poter procedere con la nuova fase 1.

Gli strumenti principali per la gestione ed il controllo aziendale sono il bilancio di esercizio e la sua analisi, il budget e la contabilità analitica, strumenti di reportistica e di elaborazioni dati.

gestione-controllo-imprese-bologna

Corsi, master e specializzazioni

Infine, bisogna sapere qual’ è il percorso di studi necessario per poter diventare Specialisti nella gestione e nel controllo aziendale.

Innanzitutto è necessario scegliere dei percorsi di laurea triennale e magistrale adeguati come quelli proposti da Unicusano.

Inoltre, data l’elevato grado di specializzazione richiesta per questa figura professionale, è preferibile seguire dei master dedicati che possano migliorare la conoscenza e l’uso delle tecniche di analisi, reporting e gestioni dei rischi.

Vuoi scoprire di più? chiedi quali sono i master più adatti per il tuo percorso formativo compilando il form qui accanto oppure cliccando qui.

Commenti disabilitati su Diventa specialista di gestione e controllo delle imprese a Bologna Studiare a Bologna

Read more

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali